Poesia dialettale. XXXI edizione.

Sabato 27 settembre 2008. – Con il saluto del sindaco, dr. Mauro Petrucci, che ha voluto ricordare come “la cultura è un lento e costante lavoro di sviluppo e di attesa operosa, come è la coltivazione dei campi; per cui non c’è cultura dove non c’è fatica, silenzio, pazienza,” ha preso il via Il nostro Concorso, “che  ha raggiunto la 31.ma edizione, racchiude in sè tutte le caratteristiche, feconde e sensibili, della cultura. Con l’intento di non far mancare ai giovani il calore e l’affetto del vernacolo parlato dai loro padri e dai loro nonni, riferimento certo e inamovilbile che accompagna ciascuno di noi in tutto l’arco della propria vita.” 

Si è data lettura del verbale redatto dalla Giuria nominata dall’Amministrazione Comunale di Ripa e della Pro Loco, composta quest’anno da: Loredana Di Martino, Concetta Giansalvo, Umberto Russo, Rolando Ventura, Emiliana Monaco. Erano presenti alla seduta: Roberto Luciani, Assessore alla cultura, Marco Ricciuti, delegato della Pro-Loco. La seduta, presieduta da Emiliana Monaco, responsabile dei servizi sociali, era coadiuvata dai ragazzi della Consulta giovanile: Erica Verna e  Francesco Mammarella.
…………..
(dal verbale di giuria) ….il giorno 19 settembre 2008, alle ore 17.30, nell’ufficio del Sindaco del Comune di Ripa Teatina, si riunisce la Giuria Tecnica per la valutazione dei componimenti al “XXXI Concorso di Poesia Dialettale Abruzzese” ….
……Tutti i componenti, che hanno più volte letto i 32 componimenti, esprimono giudizi positivi sia per le abilità linguistico -espressive e stilistiche della maggior parte dei poeti, sia per le tematiche che cominciano a spaziare su argomenti diversi, …
… Viene peraltro espresso il rammarico che talune opere, inizialmente validissime, si siano poi “perse”, sia per i contenuti ripetitivi ed effimeri, sia per la presenza, purtroppo, di patolacce, che mal si addicono ad un momento culturale e forativo; inoltre si è, a volte, rilevata la presenza di termini tradotti in dialetto dall’italiano. …

La giuria tecnica sceglie le dodici poesie che saranno declamate in pubblico la sera del sabato.

.. Dopo un proficuo scambio di idee, fra le dodici, all’unanimità, vengono scelte per la premiazione di cui all’art. 2 punto A del bando, le poesie con il seguente ordine:

n.10:cuscì stu tempe“:  con la seguente motivazione: “La considerazione della precarietà dei nostri  giorni, esposti a rischi e inganni, dà luogo, nel finale, alla speranza di porvi rimedio con la solidarietà tra gli uomini: un messaggio ideale costruito con belle immagini e un linguaggio efficace”.

n.15:Arcumenzà” Con la seguente motivazione “Il desiderio di rivivere il passato, con l’esperienza maturata negli anni, si traduce nell’ammonimento risolto ai giovani di assaporare più a fondo il bene della vita. Discreto il ritmo che caratterizza la poesia”.

n.9:Na canzona nova“  con la seguente motivazione: “Permeata dalla malinconia del tempo che fugge, la lirica, breve e intensa, indica il vero conforto nella creatività poetica”.

Si procede, quindi, all’apertura dell buste conteneti i dati identificativi degli autori delle poesie che sono:
n.10 – “cuscì stu tempe” – autore: Tommaso Stella
n.15 – “Arcumenzà” – autore: Camillo Coccione
n. 9  – “Na canzona nova” – autore: Tommaso Tozzi.

CCUSCÌ STU TEMPE

A ggire lente va lu fallicone
quande zi vô magnà’ cacche halline,
zi cape chi sta sole a nu pintone
picché nisciune ha da’ sintÄ­’ li strille.
‘Nninze a sta sorte ti z’ahepre l’ucchie
e t’arimane gne nu chiove fisse,
la mente ntruvelate zi lamente
pe’ nu distine che ssa di paure.
Ccuscì stu tempe, a fàvice arnduccate,
ti fa ‘rtruvà’ ‘vvilite e senza voce,
gne quille chi z’arsveje la matine
senza li solde e tirature aprite.
N’avaste lu silenzie di lu sonne
pe’ vvive entr’a la case ‘n santa pace,
li vahabbunte venge la paure
e acchiappe tutte cose ‘ntra la notte.
Ma, forse, z’arnuvesse la spiranze
appene cacche lladre fa lu ggire,
si nu hallucce cante a la halline
quanda lu fallicone z’avvicine.
Tommaso Stella

A seguire, c’è stata la declamazione pubblica delle altre poesie scelte dalla giuria tecnica.
La giuria popolare ha premiato con una medaglia d’oro la poesia ” La bandiera de lu pahese me” di Maria Fileni Nardone.

 

50 Responses to Poesia dialettale. XXXI edizione.

  1. sig. giovanni scrive:

    Caro signor Elio, la ringrazio tantissimo per la sua disponibilita’.
    Penso proprio che il suo paese ha bisogno di una persona efficiente
    come lei.Complimenti!!!

  2. Elio Masci scrive:

    LA RIPA BELLE

    Versi di Antonio Monaco Musica di Carlo Scoppetta

    Maggiulate settembrine!
    Ripe cante le canzone!
    Ogne fratte te’ le spine,
    le cantine vine bone,
    le macelle te’ purchette,
    savicicce nghe l’agnelle:
    Ripe tee’ le giuvinette
    Tutt’arzille, tutte bbelle!
    Se cent’anne vu’ campa’
    A la Ripe a di veni’.
    Truve spuse a vulunta’
    Pe’ puterte diverti’;
    Truve quelle che vvu’ tu:
    le bellezze e le virtù!
    Su venete a ‘stu pajese
    Chi te’ guaje e te’ malanne
    Chi te’ l’anne che je pese
    Chi te’ dibbete e affanne
    Chi ‘n ce vede e ‘n ce sente
    N’ha besogne de duttore
    S’aresane a lu mumente
    Je ndrà passe ogne dulore.
    Se cent’anne vu’ campa’
    ……
    Oh! che pace! Oh! Che delizie!
    Oh! Che gioie pe’ lu core!
    Pu’ campa’ senza malizie,
    pu’ truva’ ogne restore.
    Ne nze parle de partite,
    sinte sole sune e ccante;
    ne le vi’ che bella vite?
    Ndrà currete tutte quante!
    Se cent’anne vu’ campa’
    ….

  3. Elio Masci scrive:

    LE SUPRANNOME DE LA RIPE

    Versi di Antonio Monaco musiche di Angelo De Virgiliis

    Ne’ vale a stu pajese lu cugnome
    Se tiù vi ‘ecche e vu’ truva’ la gente
    Ta di’ nfurmà qual è lu soprannome
    Se ne vu’ perde tèmpe inutilmente
    Lu sinniche de mò è Zeccarole;
    Se vede giovinette belle e fine
    Se mòcceche le labbre e se cunsole.
    Mò ve presente pure Cuppuline
    Ciamerle, Lu Terregne, Zi’ Piscione,
    Pizzute, Lu Cignotte nghe Curdone

    Pe’ chi jogne a stu paiese
    E vo’ fa la cunuscenze
    Nghe lu pòpele curtese,
    ja da fa’ na reverenze
    ja da stregne po na mane
    pe sapè come se chiame.

    L’ammasse a cche mo le tè Caione
    E l’Ucsea don Carle de Giaspescie;
    pe l’Alimentazione va a Scarpone,
    isse te fa nu bbone pel u pesce.
    Pe’ prenutà pu’ j a Marcunitte
    A Muscardelle, a Ndonie de Crispine
    A loche jò ce triuve Cacheritte
    A ecche su Triangule e Giggine
    A Pipizzirre triuve tutte cose
    E a Lubaffe sighere e ‘na spose.

    Pe’ chi jogne a stu paiese
    ……..
    Che vine bbone vennene Spacone
    Genelle, Bucci, Babbe e la Marchitte …
    Se te vù cunsulà po’ va a Fetone
    Quand’a rijscie nen t’attì’ cchiù ritte.
    La Cecaloffe tè nzalata riccie
    L’oje fine, Verine de lu Frate
    A Surecone triuve savicicce
    A Ciancanelle, carne e siuppressate.
    Menelicche arepponte le chiantelle
    E Palluttine cuscie meje e belle.

    Pe’ chi jogne a stu paiese

  4. da un emigrante che sta fore dallu paese belle come la RIPA. N zacc scriv lu dialette ma le scrive lu stess picchè le parl a cusci. ho RIPA ME come si fregn, ti le culline verdeggiant ricc di vite p fà lu montpulciane na freg bone. ti lu mare belle e azzurr, le spiagg piene de turist che vengne da fore.La gente che viene nz ne voi chiù, ci stanno tropp bone. Lu magna è genuine, dalla purchett a lu furmagg è tutt bone lu vine ti fà allegre ma non tropp, è che vu di chiù. Nemmene a 100 km. cistà la Muntagne della MIELLA che domina e guarda sempre e te prutegg. Si dice che sta alu centr del “MONN” : E .lu ricord tropp fregn pe chi ci stà e pi chi se ne va. Nu vecchiril ci piac tant a riturn°

  5. “ARRET a LU FOSS,”
    QUANT nostalgie che tengh quan passeggev ARRET A LU FOSS. IO eri ualion me la ricord bone le vecchierill che dop aver finit le faccend ,passeggievene mane alla man nghe li marit, a respir l’arie pulit ed ossigenat della Vallata di chieti che se vedev ,dalla muntagna ,colline fin allu mare. nghe lu TRICOLORE ABRUZZESE: BIANC VERD; AZZURR. Le femmen nghe l’uncinett e le ferr della lana a fa’ le maie e le cavezett.. Ma ricord le cuppiett che se nascunnevene pe strappa nu baccett,oppure na carezza a lu vise della giuvenett. Generazion e gienerazion han caminat e passeggiat ARRET A LU FOOS. Quant famigle s’hann unit in matrimonie,quant fiie piccirill hanno fatt senti’ le strill ,pazzieven a ball pe lu foss.Bell ricord de tante person che oggi nengist’an chiu’, i me le ricord quas tutt, nghe le soprannome che si dicev pe distinghue le famiglie. E quand vaie allu cimiter a S.STEFANO le vaie a rivedere nghe lu magon in corp. Quand Famigli che ma ricord negh le SOPRANNUME che iann mess,da generazioni passat: Marcunitt, Palat, Fria quaie, Taccone ,Cachiritt,Lu Bon,Call call,Berardocc,La Bummin, Frez,Cochett,Gazzusar
    Cianganell.Cuppolin,Cim Ciam. Cella Pilat,Marascion,Cipoll,Custantin,Bucci, Paifone,Caione,Cianganell,Turturic ecc.ecc. Ha quant se nanne iit Riposono in pace tutt. Che DII li Benedic ora e sempre. ECC che Ricord port sempre sempre “ARRT A LU FOSS……………

  6. Che ti ia dic , e fregn la Ripa me, ghe le ricurd pare che lu passat divend lu present.Ogg lu paese sa cagnat,nn gi sta’ chiu le butteg, le sartorie, lu ciabbattin, le cantin dove ngh la passatell s’ariev alla casa d’undit da lu vin. Quant bon imbriacun facevn le cantin,si beveve sempre di chiu’ lu vin anche se misticat ma si beveve a go go .E come s’incazzevn se ievene olm senza beve la gocc.Pero giuvn dop murevne di cerrose.
    So dett la buttegh dellu sartore ci statev tant buttegh e le bardasciun s’amparevne a fa’ lu sartore.Quant brav sartur ha sfurnat la Ripa, e dop partevn pe lu nord e sono diventat maestri bravi e rinomati.Ie per esempio so avut in famiglia nu sartore nghe le fiocc.Er lo zio ATTILIO esse e’ stato lu meie. Da giovan si na ite a FIRENZE ed e’ stat nu mastr rinomat di bravure di onesta’ e di accoglienz pe le Riparule che in viagg di NOZZE la meta era FIRENZE.Quant Vistit inter ha fatt lo zio ATTILIO ,persin lo zio ha vistit I PONTELLO FAMIGLIA rinomata a Firenze,la Squadra della FIORENTINA. Si facevano fa’ le vistit. ANCH Le Turist che steven a FIRENZE si fermavano di chiu’ per AVERE finit lu vestit. Quant Riparul oggi tenghene le vistit fatt da ATTILIO. Ess sa ricunosc dallu marchi che ess ci mitteve.SARTORIA “”ESPOSITO ATTILIO” via BOCCACCIO 50 FIRENZE.Pe tutt lu mon le vestit fatt da ess le portn ancora .A perenne RICORDO dell’ILLUSTRE MAESTRO da FIRENZE. IL RIPAROLO ATTILIO ESPOSITO.

  7. Quand lu spos e la spose intreven alla buttegh ess er sempre ghn la cocc rucurv a cuci’ e all’atm nn ti guardev nemmen chi fosse entrat alla buttegh.. Dop pero’ ca finit piantev tutt e ti purtev ai ristoranti migliori di Firenze . Se puteve ti ospitev pur. Quant riparul hann iet in viagg di nozz a FIRENZE pe ess che era ospitale e RINOMAT. All ferie tornev alla RIPA e tutt l’accoglievano bon. Ogn copie di spuse ch’entrv ess vulev sempre le notizie della RIPA.Pe ess la Ripa era come na seconda donna, addummannev chi sa mort, chi er lu sindaco che cummannev, tenev le fot persin dei cartelli che indicavano le strade della Ripa.Ess e’ stat pur fotografat nghe ROCKI MARCIANO grande tifoso illustre. A lu bar CENTRLE della Ripa di Cipoll ess tenv banc ii piacev a parla’ della vit mondana Fiorentina e dei lavori che svolgev a FIRENZE.Pero’ quand sa mort a FIRENZE nel 19 giugnio 1991.nesciun di tutt quill che in viagg di nozz erano stati ospitati e riverit ciann ite. E’ stat tumultato prima a FIRENZE e poi OGGI le sue ceneri come di sua volonta’ sono Tumultate all sua AMATA RIPA. . Con OSSEQUOSO RICORDO perenne a chi lo ha voluto bene in vita. ATTILIO ESPOSITO: GRANDE MAESTRO di SARTORIA…

  8. Omaggio a Perenne ricordo di ANTONIO BUCCI di RIPA TEATINA

    Chi si po’ scurda’ il Famoso PURCHETTARO della RIPA, da esse la Ripa ha avut la risonanza tant acclamat della PURCHETTA.Ma ricord come se fuss mo’ a S.Colomba vers le cinque di sere arriveve lu purcell appena accis. Antonio nngh la moglie GIUSEPPIN e 4 figli maschi MARIANO, RENATO, AMEDEO e FRANCO lu chiu’ piccilrill.Incumincieven a dissossa lu purcell di 60kg.Tuieven quell che ci stav da toie pe le savicizz li pit e l’urecchie , lu sanghui pe fa’ lu sanguinacc,Quand era tutt finit con sale pepe e quell che ci vulev pe daie gli arom, metteven lu pal di ferr in mezz e poi l’ ABBERRUTEVEN e le legheven strett lu purcell. Poi le purtev allu forn e pe 8 o9 ore La purchett emanev nu profum bon e genuin .Pront pe essere vendut allu taie. La famiie de le BUCCI eren cuntent e si venneven na pres, pecche’ ere fatt verament bonn . Quant purchett per le fest hann fatte faceven. Erano diventati FAMOSI e rinomati per tutt la RIPA e paesi D’intorni .L’Unich de li figli ca cuntinuat e’ stat AMEDEO Ma la PURCHETT ha continuat a diffondersi per altri paesi grazie al nome DI BUCCI ANTONIO e AMEDEO BUCCI. PORGO A LORO Perenne ricordo per quanto hanno portato per L’ABRUZZO,LA RINOMATA PORCHETTA di BUCCI di RIPA TEATINA CHIETI. Quant Riconoscimenti: TARGHE, PERGAMENE E COPPE a RICORDO

  9. La famosa famiglia BACCALA’ di RIPA TEATINA Anni 60.
    Vicin allu Turrion ci stev la famiie di BACCALA’. Le fiie si nann ite all’estero IN AUSTRALIA e in AMERICA,e chi cia’ rimast era sole lu padre ZI CAMILL e la mamma Za LILLE. Che ricurd bell ci port Za Lille a nu bardasciun dell’epoca, quand esse da sole passev pe la RIPE e nisciune ie dicev nient, ess s’arraiev pecche’ vuleve essere accimentat. Ma se un di nu’ incuminciev a cimentarl er nu cinema pe tutt la RIPE . Incuminceve a correrci appress e le parulacc ci le facev capaa’. Nu ie dicevam LA VRISC e ess incumincev lu rusarie delle parulacce fin sopra Montecitorie, tutti iavam apress e si formev na processione di ualiun arret a ess. Facev fint che piev le prete per tirarcieli appress a nu’ che le stavam a cimenta’.A La gent ie piacev a guard e da le balcun rideven compiaciut.ZA LILLE er fregn forse aveva 70 anni ma era na cuntadin vass e ricurv ma arzill, na grand lavoratric in campagn. Ci steve lu MOTT che si dicev che in campagna nu iorn mentre durmev, na viper ie sa mess dentr la gonn e si diceven che era lu c…. di ZI CAMILL. Pe quest nu bardasciun le cimentavam, e a ess ie piacev che nu ie dicevam a cusci’. Er nu spass pe nu’ che ci si divertiv pe’ tant poche. Porgo questo ricordo ai RIPAROLI di quell’epoca . A Perenne ricordo di ZI CAMILL e di ZA LILLE di BACCALA’. Tutti quelli che la conobbero e portano con loro impresso il ricordo di quei tempi belli e divertenti.

  10. Lu BAR CENTRALE della RIPA, di FRANCO CIPOLLA.
    Quad riparul hann entrat al BAR di CIPOLLA? Si po’ dice che da quand e’ stat gestit da FRANCO di CIPOLLA sarann passat Quattr Generazion della RIP. IO er nu giovinott e mo’ so anzian, ma ricord che lu bar er sempre pien di gent . Tra na partite e l’altro chi a scopa chi a tre sette chi a briscul tant e tant Riparul hann iucat allu BAR di CIPOLL. Lu gestor FRANCO LUCIANI di CIPOLLA l’ha rilevat ALLA buon’ anima di VIULETT e di ORESTE LUCIANI CON OSSEQUIOSO ricordo perenne alla loro MEMORIA. Tant noti persunagg hann varcat quella porta i mi ricordo FRANCO lu DAZIATORE, lu medic di PISCION, RIGILLO il DOTTORE lu Sindaco CAION grande tifoso della ROMA lo Zio ATTILIO Maestro di SARTORIA, lo ZIO MARIO lu CICAT,SERGIO di BERARDOCCO SANSUNETT. FRIA QUAII,CIM CIAM,CARABBELL,CALL CAL,PALAT TONINO cella pilat ecct. eccet. All’estat eru nu spass ci sassettevn e si parlev di tutt, dallu sport alla politica alle pittilarie de lu paese IO pur tengh banc quand arvengh da TORINO so pure tifoso della ROMA e a lu bar quasi tutt della juve . Lu lunedi’ er chius e nu ci s’incazzevam pecche’ si ferme la iurnat e si dicev oggi FRANC e’ chius ma putess fa’ a men pe’ nu’ che ciavam sempre.Lu bar e’ rimast a gna stev dop 50 ann e fa’ bon, la’ li ricord son sempre present. Ess richiam anche tant paesan che riturnano dall’estero e aritruven lu bar pe’ com l’hann lasciat da giuvn. E’ lu centr della RIPA quand ci piss tarvengn alla mente tante persone che nn gi stann chiu’. Oggi nu vecchiarill che armenem ghi tant piacere salutem FRANCO che pe’ la RIPA rappresent la STORIA di tanti Ricordi indelebili. Quanti commenti, quante risate quant rivqalita’ politiche si discute, rivalita’ calcistiche,e quant partite a carte for e la gent a guarda’ sin a tardi si fa’ al BAR di CIPOLLA. Poi chius lu bar si ieve tutti a pisciar allu CONVENT, e si contnuev a passeggia sino a notte fonda. Un GRAZIE di cuore al BAR CIPOLLA che mantiene viva e cordiale il popolo di RIPA TEATINA. ED a tanti che hanno lasciato questo mondo un PERENNE RICORDO di tanta AMICIZIA che si aveva al BAR CENTRALE. FRANCO LUCIANI CIPOLLA ed ai suoi FRATELLI.

  11. N’Atr personaggi fregn e’ MAIUCC PIERSANTE.
    Chi nn avutu bisogn de lu MASTRE MAIUCC’?, Esse era tutto fare, facev lu FALIGNAM, lu DECORATORE, L’ELETTRICISTA, LU RIPARATORE di CANCELLI e PITTOR di Ringhiere. Ma quand er giovane iev pe le case a riparare tutt quell che la padron dicev, nn si terev arret mai a tutt li lavur che ci stev da fa’.E ia’ riscievn bone. Ma quand parlev, ma quand benedizion mannev, quan imprecazion dicev ere na macchinetta pe lu parla na’ frech. Pecche’li lavur ere na pres e ess ere da sol a fa’ tutto. Abitev a S.COLOMBA la moie AURORA pensev a fa’ le fie un appresse all’altre , e esse fatiev anche le Dumeniche pe finire le lavur. Ma ricord quand ha venut alla casa di LAURETT di TOLL la mia amata nonna, ess incuminciev a parla’ e non finiva chiu’. E mia nonna ie dicev ha MAIUCC finiscim lu lavor e poi vedem.Nu bardasciun i facevam le dispett quan esse fatiev ,mentre pitturev di nascost ie tiravam la terr sopra alle finestre che stav a pittura’ e s’inccaz na frec picche’ nu’ cia’ nascunnevam senza farci vide’.. Ma ricord che nu iorn chi cia’ capitat e’stat RENATO di BUCCI ess era piccirill ,ia cors appress l’hacchiappat e ghe’ la manter che purtev sempre se l’ha mess dentro e le stev aitta’ abbal lu foss. Quand ha rivenut dicev sempre LE SO’ IETTATE, LE SO’ IETTAT, a cusci’ nn me scocc chiu’. Ma ere fregn quand parlev na pres nn l’ha smettev di stars zitt. Oggi vive ancora ma li dulure alla schiena lo torturano ed alle gambe quasi non cammina . Io port con me bellissimi ricordi di aver conosciut nu grande LAVORATORE dedico tutt per la sua famiglia. Anche lui fa’ STORIA gradevole a noi che lo ricordiano con stima quand era giovane. E’ stat pe’ nu’ da ESEMPIO…

  12. Alla dolce cara MEMORIA di EVA NICOLO’in ESPOSITO. Anno DOMINI 1963
    Forse a RIPA nessuno sa’ ma Questa donna Madre di DUE figli LAURA e TONINO ESPOSITO. Si potrebbe considerare SANTA . IL perche’ di tanta predilezione sta’ nel fatto che ha solo 33 anni ha, lasciato questo mondo per il suo sacrificio per dare alla vita di un belissimo bambino come TONINO di Pirola oggi.Santa perche’ la sua vita coniugale col marito MARIO ESPOSITO lu CICAT non e’ stata tanto gioiosa perche’ lui lavorava fuori con la ditta BERARDOCCO di RIPA e per esigenze era costretto a stare mesi ed anche anni fuori RIPA. POI quando tornava non faceva in tempo ad entrare, che subito gli amici come ARMANDO LU SCUPINE e tanti altri lo invitavano alla cantina, alla ROSCI per passarvi pomeriggi interi e nottate per poi venire a casa in stato da non descrivere. EVA era conscensiosa del marito che aveva voluto , e soffriva in silenzio,senza mai ribattere una parola. Una volta io l’ho sentita parlare con alcune sue amiche e diceva loro : anche in questo stato e’ sempre mio marito e lo PERDONO per il suo essere. Poi la suocera LAURETTA di TOLLO e sua madre ZA. MARIETT di CRISCENZ erano molto dispiaciuti. Negli anni sessanta il marito era legge la moglie a soccombere in silenzio senza mai reagire. Sara’ anche colpa del sistema ma la zia EVA ha mostrato in tutti i casi di essere stata una moglie brava dolce ,apprensiva e quasi parea che chiedesse anche scusa al sistema di allora. Una sera di settembre 1962 suo marito in cantina e noi a cena, la zia EVA chiese di parlare a sua suocera dicendogli: mamma sono incinta di tre mesi. NON vi dico mia nonna quasi si strappava i capelli perche’ essa sapeva che se la ZIA EVA rimaneva incinta di nuovo era la sua fine.Ma lei disse con fermezza, quasi un ordine alla suocera: Mamma DIO mi da’ questa vita nuova e mi chiede di portarlo a termine, IO voglio questa creatura a costo della vita stessa e ne sono coscente , anzi ti dico pure lo chiamero’ ANTONIO , io sono DEVOTA a s. ANTONIO e cosi’ voglio!. Lei purtroppo all’ora subi’ due cesarei ed il terzo poteva essergli fatale.Con tutto cio’ la sua vita da settembre era una preparazione alla morte. NON dimostrava nulla in esteriore ma in cuor suo era uno strazio che l’accompagnava,ne soffriva tanto, tantissimo..Il bimbo TONINO ESPOSITO nasce il 3 febbraio 1963 dopo solo tre giorni LEI EVA accetta la morte con la consapevolezza di aver Sacrificato la sua vita. Di sua spontanea volonta’ firma il rilascio dall’ospedale S. ANNA di CHIETI, e con L’ambulanza parte per RIPA. Alle porte di RIPA intravede il campanile di S.ROCCO allora li’, lei ha un sussulto alla vita nuova che ha lasciato a CHIETI. Arrivata a casa in via S. Colomba a casa di SPACONE; lascia questa terra IL SUO ultimo ALITO di VITA TERRENA. MUORE IL 6 Febbraio 1963. LAURA aveva due anni e il piccolo tre giorni. Quanto STRAZIO in quella casa!! Quanta gente arrivava in quella casa! dopo l’annuncio,Persino le campane a morto no smettevano di suonare con i rintocchi che annunciava, che una giovane MAMMA Muore per aver dato alla luce il PICCOLO ANTONIO. Ma lei La ZIA EVA ha lasciato un ricordo incanccellabile come MAMMA a tutto il paese di RIPA TEATINA. Alla sua bambina LAURA gli voleva un mondo di bene, il suo cuore di sicuro si e’ frantumato per le due sue creature innocenti che ha lasciato a tanta disgrazia di non aver la propria MAMMA.. La zia EVA era con i capelli rossi il Taier AZZURRO che avvolgeva quel misero corpo, e quel bel suo volto sereno, non appariva tristezza da morta, ma esprimeva Dolcezza, ed un sorriso di compiacenza per il gesto EROICO che in questa terra ha SAPUTO trasmettere a noi tutti. Persino dopo 46 anni dalla morte il suo ricordo di MADRE MARTIRE esiste ancora per RIPA. E a quanti chiediamo che l’hanno conosciuta, tutti con emozione negl’occhi la ricondano ancora. Possa lei essere nella gloria celeste accanto alla VERGINE MARIA MADRE dell’UMANITA’. A Perenne ricordo EVA NICOLO’ di CRISCENZ.

  13. Il PARROCO piu’ AMATO e Chiacchierato di RIPA TEATINA Il REV.do DON DECIO D’ANGELO da BOMBA CHIETI. Anno DOMINI 1960 a 1970 circa; il suo Pastorale servizio alla Parrochia di RIPA TEATINA.
    Don DECIO e’ stato il parroco che a RIPA TEATINA ha dato il massimo della sua Modernita’ Capacita’ di esprimere il suo servizio parrocchiale nei migliore dei modi verso i suoi parrocchiani. Ma e’ stato anche non capito , non valutato della sua dottrina innovatrice, che voleva instaurare ai parrocchiani. Solo noi giovani correvamo dietro alle sue condivisioni nuove che cercava di instaurare. Ma il popolino che era ancora chiuso e riluttante con mentalita’ trascinata dal sistema dottrinale Fascista. Vedevano in lui piu’ che un prete moderno ,un prete politico rivoluziorario. Don DECIO con tenacia ed intelligenza ha saputo scuotere certi personaggi che gli erano ostili. Ha saputo cogliere momento giusto per aiutare i parrocchiani di mezza eta’ a seguirlo con i mezzi di aiuto verso il mondo del lavoro. Quanti Quanti sono stati politicamente aiutati in posti di lavoro da DON DECIO? Negli Uffici Postali, in Ferrovia, in Cattedre d’insegnanti,in Comune , in uffici della Regione e della Provincia, a Chieti Scalo alla camiceria,alla SEVEL diTORINO di SANGRO. Noi che siamo Emigrati chi all’estero,chi al nord ITALIA siamo spiaciuti che non siamo stati sistemati a RIPA. Avremmo voluto restare al nostro paese. Oggi a distanza di anni sento dire con vigore ed entusiasmo che DON DECIO ha saputo dare a RIPA una svolta e che i risultati sono stati eccellenti. Noi giovani lo seguivamo ovunque Ci spronava dicendo che Ripa all’epoca eveva avuto pochissimi diplomati, uno o due laureati, pochi di sola terza media.Rimaneva il fatto che al paese non c’era entusiasmo agli studi e che si rimaneva alla media di poca cultura. Tante furono le novita’ apportate a Ripa ,nelle sue prediche metteva sempre in risalto che Ripa doveva distinguersi con altri paesi d’intorni, doveva primeggiare in tutto. Ci sono le possibilita’; e andrebbero sfruttati meglio. Le risorse ci sono ma sono per pochi intimi.EGLI non aveva paura di chi lo attaccasse anzi riusciva a dissuaderli.Passeggiava per Ripa con tutti i ceti era sempre fuori in mezzo a noi non rimaneva chiuso in parrocchia, stava bene con tutti. DON DECIO D’ ANGELO e’ la Storia nuova che Ripa ha avuto, il modernismo egli negli anni sessanta li voleva attuare, poi ha anche vinto tante battaglie . UN giorno disse “Vedete qui a Ripa tanti parroci sono stati cacciati io saro’ di sicuro anch’io cacciato ma questo finche’ non avvera’ io mi batto. Oggi a distanza di anni quanti di noi che siamo anziani vogliamo e desideriamo che don DECIO venga a CELEBRARE il matrimonio dei nostri figli, il Battesimo dei nostri nipoti. Anche il rito Funebre, egli viene invitato a celebrare.Questo dimostra che ‘ e’ stato tanto amato a RIPA il suo ricordo echeggia nelle nostri menti. Oggi e’ VICARIO a VASTO la sua fibbra va affievolentosi fisicamente ma la sua tenacia spirituale e’ quella di sempre . GRAZIE da noi tutti che siamo stati testimoni della tua permanenza vissuta a RIPA TEATINA: che il Signore Benedica il tuo Passato, Presente e Futuro sei sempre nei nostri cuori .Un augurio da me tuo TESTIMONIAL TONJ da TORINO.

  14. A ricordo della Famiglia SCELLI. In PIPIZZIR Anni 70 Fatto di Cronaca.
    N’omen vass ,scuppat, e benestant. Esse ere conosciut pe tant cose, er gentil a nu bardasciun ci guardev con piacer, tant di nu giuven all’apprezzevam peche’ ci paghev lu gelat e ci deve le caramell, se ie eravam simpatch. Prestev anche le sold a chi li circhev, pero’ se le faceve rida’. Qualche giuvanott e’ stat pur apprezzat bon, tinev simpatie speciale. Er nu personaggi ambiqui si mettev nghi la sedie for assittat e nu’ che passeggievam a chi vulev ess ie facev lu’ cenn come se fosse n’appuntament pe parlaci in privat.Ma ricord che quand ess passeggev vers lu Cunvent, nghi le mani attaccat arret alla schiena, nghi la coppola sempre alla cocci, e piccirill di statur e nghe lu cul gross, e anche la pancia gross. Io nen le so’ vist mai la coccia senza coppola. Na vot ma dett male di DON DECIO, che pe’ esse non le sopportev, ci l’havev nghi esse, ancor oggi le voless sap pecche’. Era anche superstizios , Pipizzir a mia madre ia dett un giorn: i adengha fa’ na fine brutt e viulent, nin sacci picche’ ma mi li sent Vide a MARIA di TOLLO so bon’ e car ma tengh lu presentiment brutt. Purtropp ie s’avverat prim mett le mani contro la moglie e l’accid e poi sa bevut l’acido muriatico e sa’ suicidat. Alla poveretta l’ha fatt a fette, ess dopo s’acciss con forti dolur allu stomaco ed e’ rimast assettat. Sa’ ribellat la RIPA mai er succes na’ cosa grav a cusci’. La Ripa sa riempit di giurnalist, na frec di reporter han fatt foto a tutta’anda’ . La televisione dava la nutizia raccapricciant di quell che era success, di molto grave. L’omicidio e lu Suicidio ha fatt lu gir de lu monn. Io stav a Torino e le so saput dalla tv. Mia zia NUNZIATINA dall’AUSTRALIA e tant RIPARUL all’estero e allu nord d’Italia, nin ci vuleven credere che alla RIPA un fatto di sangue cosi’ atroce fosse success. Allu giurnal di Cronaca VERA ci stev la foto di ess assittat alla sedia mort. E brutt a ricurda’ nu simile fatto di cronaca , ma anche quest a stu’ monn succed, sol che alla RIPA lo si ricorda ancora oggi. La funzione religiosa sa fatt, strano che se’ vi’ a S.STEFAN a’ lu Cimiter sono sepolti un sott e l’altro sopra assieme .Possa il Signore aver pieta’ di lui e Benedire la povera Moglie innocente a tanto dolore e fine cosi’ atroce e brutta. A noi EMIGRANTI che amiamo RIPA TEATINA, anche questi fatti ci tiene uniti al Paese Natio.Nel BENE e nel MALE. Nu SEME RIPARULE di CHIETI………………..

  15. Il PIANTO di un E M I G R A T O…………Anno DOMINI 1963..2009

    Ha!! HA!! RIPA me! Come ti amo!
    Chi me l’ha fatt fa’ a irmine dallu paese fregne come la RIPA
    Che la sere di novembre 1963 lu tren e’ stat tremende ma piate e
    ma purtat a cusci’luntan da te.
    A PESCARA li so’ piat e con tant malincunie ma stracciat via in terre sconosciut e ma rapit dalla RIPA.
    Alla stazione la sere preghev che non arrivess mai.
    E Io nghe la valig aspetta’ che mi si purtev via da te.
    Lu gira’ delle rotole ferroso ancora oggi la risent dopo tant ann.
    Quand so’ arrivat a Torino lu core mi sa’ spezzat , la malincunia
    macchiappat e mi so’ mess a piagn gne nu ualion che vo’ la mamm.
    Io ere nu bardascion eppure piagnev come nu citil.
    Quand so’ arrivat ancor piagnev,mamma’ ma dett: chi si fatt;
    e i dentro lu core me, piagnev la Ripa che so lasciat.
    Mo so’ passat tant ann, ci so’ ite in pension, so’ anzian
    lu ricord d’all’ora mi emoziona ancora.
    Ma penz a tanti e tanti altri EMIGRANTI che l’hann lasciat pe sempre
    in terr chiu’ luntan oltre oceano,
    chi in a AMERICA, chi all’AUSTRALIA, chi allu CANADA’ chi ancora in ARGRNTINA
    e nan mai potut riturna anche pe na’ vota sole.
    Pe questo so’ fortunat peche’ ogni ann so’ rivenut e ne mi posso lamenta’. Cusci’ lu paes m’accogli ed io so’ cuntent na frec.
    Vuless tant che alla morte le mie ossa riposassero
    a lu paese chiu’ fregn delllu MONN.
    Sopra a A S.STEFANO attorno a quei alti e maestosi pini
    che circond lu cimitere e dove tutti trovano la pace e lu sonno eterno.
    HA! HA! La RIPA ME. “Quando ti ho amata e t’amero’.

  16. Tonino scrive:

    Tonino sei grande!! Ho letto con molto piacere tutti i messaggi che hai inserito su questo sito… e non posso che dirti ancora grazie per il cd che mi ha dato la settimana scorsa a Ripa. Ciao da Tonino da Catanzaro

  17. Altro personaggio che ricordo con piacere e’
    EMILIO di MASTRO ROCCO.lu Pustin di RIPA TEATINA Chieti.
    ANNO DOMINI 1962 2009

    Emilio abita vicin a S. Colomba, di front addo’ io da’ bardascion abitev ,alla casa di SPACONE. N’omin quas du metr, nu giovan educatissimo rispettos e gentil. Facev lu PUSTIN alla RIPA, ora felicemente in pensione. Era l’unico in tutto lu paese a’ fatia’ come PORTA LETTERE . Ma ricord che esse e’ stat uno de li primi che sa cumbrat la macchina,era na bella seicento, le prim che la FIAT avev mess allu mercat.Correva l’anno 1963, pochissime erano le macchine che viaggevn alla RIPA, si putev conta’ nnghe le dit. E chi le tenev all’ora era Don DECIO un maggiolino color marron, Lu medic di PISCION, Rigillo, FRANC lu DAZIATORE, ISIDORO di CUSTANTINO, SERGIO di BERARDOCCO, CHICON lu barbiere pur na seicent che ancora oggi le te’ e qual’altro che mo’ nn ma ricord.Emilio era puntual nn ghe la post, purtev le letter a ogni famiglia, la mattin a lu centr abitat de la RIPA, e lu pomerigg in campagna anche tant distant. N’omen riservatissimo, sapev di tutt, ma nn spifferev nient di quell che venev a sape’. Mia nonna LAURETT diTOLLO ie facev sempre la post arret a la port, pecche’ la zia NUNZIATINA l’anno prim il 18 Febbraio 1962 era partita pe l’AUSTRALIA, e mi dicev che aspett sempre la lettera della figlia da BRISBANE.E quand EMILIO ie le cunsignev la post via aerea’ ess piagnev di gioia, ringraziev lu PADRE ETERN che gli dava la salut alla figlia NUNZIATINA in terr cusci’ luntan. IN modo speciale fremev quando nell’ann 1964 la figlia sa spusat con lo zio CARMINE di CRECCHIO a MELBOURNE, ora riposa in PACE . Presso la famiglia di ARTURO di NURINE, An ch’ess riposa in pace in terra australiane.La Nonna aspettev la post con frenesia di na ualiona era felicissima ,quand EMILIO diceva c’e’ posta aerea per te. Poi ancor di chiu’, quand ha nat nel 1965 la figlia LORELLA di PAOLO, ess piagnev sempre dalla cuntintezz. Dicev sempre, saccie ca nat, ma non le vede crescere la mia nipotitina. IO ancor oggi cunserv quasi tutte le sue lettere per via AEREA. Quasi tre o quattro a lu mese ess la riceveve. I pure con trepidazion aspettev la post da EMILIO ,pecche’ all’ora stev allu culeggio a LANCIANO presso S.ANTONIO, e alla RIPA tenev na ualion che ancora oggi i vui bene dopo quasi 46 anni.So’ dett riservat pecche’ le spedev alle proprie mani, esse con rispett, me le consignev allu destinatarie con tant riguard appen le vedev da sola. IO a Emilio all’ora ero ricunoscente pe tutt, e le stimev tant. Ess te’ na bona cultura, ie piace la music ,stime le band , era sempre aggiornat a tutt quello che ie s’addumman. E’ Tutt di nu pezz, nen fume nen beve nen iuche a cart pe lu bar, Sua moglie CLELIA ha avuto due maschi. E’ la figlia di CIANGANEL lu macellaie bon ANIMA Riposa in pace, sopra alla salit di Montecitorie,e’ molto risevat e tant gentil, e di famiglia benestant. In casa EMILIO ha avut la mamma sino a tarda eta’ e CLELIA i purtev nu grand rispett, quasi quarant’anni ha vissut nn ghe la suocera mai mai nu cumment, na famigli esemplare. Ma ricord la mamma sempre affacciat arret alla finestra e si guardev le niput che cresceven e aspettev lu figlio che turnev dallu lavoro di postino.Sempre elegant EMILIO parla con tutti, passeggia con tutti pe la RIPA e mai le so vist arraiat, sempre serio e gentil. Quant passeggiat sa fatt nghe lo zio ATTILIO quand armenev da FIRENZE, ora riposa in pace alla sua amata RIPA. Dopo t’ann conservo il ricordo di EMILIO con immenso piacere, e quasi d’invidia pecche’ la vita se’, e’stat sempre alla RIPA. Io invece me ne so’ it for dalla RIPA Luntane a Torino. Sei di ESEMPIO per i giovani che leggeranno la tua cronaca,del mio piacevole ricordo: e spero che ti tengono come esempio in vita futura. Grazie a te EMILIO MASTR ROCC per le tue gentilezze e riguardi che hai saputo imprimere nei miei ricordi, per questa TESTIMONIANZA piacevole. Tuo amico di semmpre TONINO ESPOSITO lu ROMANISTA da TORINO.
    di RIPA TEATINA CHIETI::

  18. La NUSTALGIA…..
    E’ nu semtiment che nn se po’ spiega’! Ti li sint a lu profond dell’anima.
    Esse Ve’ da sole, quando arivide na’ persona cara che ie vu ben.
    Quand arivid n’amich dopo tant temp, e ti fa’ piacer che l’harivide.
    Quand t’arriv na’ cartulin da lu paese chi si lasciat, la rivide
    ancor come li si lasciat da gioven.
    Quand c’iarvi’ e dopo, ti na di ie!, e nn vuless riparti’ chiu’.
    Quando T’arve’ alla ment la persona car che nn gi sta’ chiu’.
    T’acchiapp na malincunie e ci sti’ sopra a ripenza’.
    Quand sint pe’ la tv.c’annonim lu paese te,
    allor t’acchiapp la curiosita’ di sape’, ca’ success?, che nutizie ariport?.
    Io pero’ sent nu’ magone, n’ apprensione, nu piacer, che ma ricord
    la gioventu’ passat allu paes fregn come la RIPA.
    Chi ci vu fa’ quest e’ lu monn pe’ chi ha fatt l’emigrant e si na ite!.
    IO mi so adattat alla citta’ che ma uspitat! pe’ 40 anni,
    la ringrazie pe’ lu lavor che ma dat.
    So ricunuscent che mi so’ fatt na’ famiglia,
    so cresciut le figli, e mann res anche nonno.
    Ma NISCIUNE mi po’ toie lu’ bene che voie allu paese me.
    Pecche’ la’ a S.Stefano ci sta’ la famiglia me, che riposa in pace,
    e tant a tant gent che io so’ volut bene, e che nn gi stann chiu’.
    pecche’ la’ a lu paese, li ricurd di gioventu’so’ stat bell e incancellabili.
    Vi’ pure NOSTALGIA me! ,ti lascio entrare con piacere nella vita me,
    ccumpagneme fin a quand DIO vo’.
    A perenne Omaggio a quant so’ conosciut e nn gi stann chiu’.
    Potess DIO benedire tutti gli abitanti di RIPA TEAINA.
    Tutti gli EMIGRANT in terre lontane, ed OLTRE OCEANI.

  19. TORINO, ANNO Domini 9 novembre 2009
    LU SOGN ! che ti fa’ rinascere la Gioventu’ .
    Ecc..!! ogg i so’ quas rinat.! Tu dice picche’; Dop magnat mi ne so ite a fa’ nu pisolin.
    Allu sogn mappare lu Paese de la RIPA. Noo!!’ come sta’ mo’, che sa’ fatt tant cose bell e Sa rimudirnat.!
    Ma come li so’ lasciat tant e tant anni fa’nell’untane 1963
    Marrvenut in ment lu torrrion di Sant ROCCO sempre bell e MAESTOSE.
    Quand era lu macell de la RIPA. Lu purchittar BUCCI ANTONIO si iev aripia’ lu purcell appena accis.
    Ancora che culev lu sangue, Tutt squartat nnghe le pit appes.
    ANTONIO le carichev e se le purtev nnghe l’apett tutt culurat di roscie.
    Ci carriev lu purcell accis e passev pe lu centr della RIPA fin a S. COLOMB dove ess abitev.
    PE prepara’ la purchett pe lu’ iorn dop, pe la fest della dumenic.
    .Lu sogn er fregn picche’ mi so’ rivist ualion che iev pe’ la RIPA cuntent e spensierat, senza mai pensa’ che me na deva ie pe’ sempre come l’emigrante.
    M’arr’ivedev Lu bar di CIPOLL, che la gent stev assittat nngh le sedie e li tavulin a iuca’ a cart for, pecche’ facev lu call.
    Tra quill che iuchev mi so’ rivist la bonanima dello ZIO MARIO LU CICAT,
    che stev ha iuca e facev’ la passatell.
    Vicin a ess la cunpignia se’, che le facevn bev na frec, pecche’ esse iescev padron e si bevev le buttie de la birr un appress a l’altre.
    Quand mi so’ sviat lu sogn si na’ iet, quas nn ge vulev cred.
    Ha!! com’era piacevole lu sogn! Quasi quasi nn vulev che se ne iev
    mai, me stev a ricria’
    Mi so’ dispiaciut na’ frec. Pecch’e’ tanta nustalgia de la RIPA m’avev acchiappat.
    Tant e tant person man venut in sogn e ci parlev nnghe tant piacer ..
    Lu ricord di tant person che nngistann chiu’ , si nann iet pe’ sempre
    a S. STEFANO allu’ Cimiter .
    Ha! come sei ! TU si Gross e Piccirill, si la cullin che domini la RIPA!
    che raccogli tutti a lu’ riposo eterno. NNghe lu Strazie allu core.
    A PERENNE ricordo, riposino in PACE Tutti. Con BENEDIZIONE del SIGNORE Un EMIGRANTE che ha sempre con se’ il dolce rimpianto degli anni piu’ belli trascorsi al suo paese natio’.
    Di ” R I P A T E A T I N A ” CHIETI…………

  20. La BUCCIA!
    RISTORANTE a RIPA TEATINA CHIETI Anno domini 70/ 80/90/2010.
    Negli anni SETTANTA a RIPA TEATINA ci fu’ una grande IDEA di far conocere prima ai paesani e poi in tutta la regione ABRUZZO. Che a RIPA TEATINA si MAGNE BONE e li piatte piu’ noti sono SAGNE e FACIULE. LA RINOMATA PORCHETTA DELLA RIPA, e i prelibati dolci rinomati, fatti a mano. I famigliari BUCCI con a capo ADINA DI BUCCI nota come CUOCA tutto fare il POVERO UMBERTO che ora riposa in pace. Con i suoi due figli maschi PIERO e BIAGIO. Hanno costruito un IMPERO di ristorante ,moderno con saloni grandi per ricevimenti. Cucina d’avanguardia per soddisfare centinaia d’invitati. Per il paese di RIPA TEATINA fu’di risonanza grande. L’impegno della famiglia fu’ di grande sacrificio per affermarsi con dedizione a far onore alla cucina tutta fatta artigianalmente con dei piatti profumati e buonissimi della cucina Riparole. A breve distanza di tempo ci fu’ un PASSA PAROLA che stupi’ tutti. I prezzi erano accessibile ,famiglie che prendevano il gusto di non piu’ cucinare a casa ma di preferire andare alla BUCCIA con tutta la famiglia ed amici. Dai paesi circostanti arrivavano intere compagnie per mangiare “SAGNE e FACIULE” fatti dalla BRAVA CUOCA ADINA e sua sorella COCHETTA di BUCCI. Persino da FIRENZE arrivavano gli amici DEL NOTO SARTO ATTILIO ESOSITO” ora riposa in pace nella sua amata RIPA, per apprezzare i piatti rinomati di RIPA TEATINA.Per tutti gli anni avvenire il noto ristorante ha visto centinaia di migliaia di famiglie solcare l’uscio del rinomato ristorante “LA BUCCIA”. Ancora oggi pranzi di NOZZE, di BATTESIMI; di RICORRENZE,di feste di compleanno di Paesani che stando all’estero ritornano con le proprie famiglie vengono a gustare i piatti prelibati ABBRUZZESI alla “BUCCIA”. Grazie a loro hanno portato alto il nome di RIPA nei paesi d’intorni e nella Regione ABRUZZO.Ha anche contribuito a dare lavoro a giovani che si sono poi indirizzati nel mondo della cucina e del servizio di cameriere.Tanti noti personaggi dello SPORT, della musica, del teatro hanno assaggiato e gustato i piatti succulenti della BUCCIA. Un grazie ad ADINA ancora in vita ma in riposo per l’eta’, ai suoi figli PIERO e BIAGIO che con tanto impegno hanno contribuito a far conoscere LA CUCINA RIPAROLA.

  21. La famiglia COSTANTINO NICOLO’. Anno DOMINI 1962
    Durante la loro vita coniugale hanno dato al mondo quattro figli. ISIDORO, MARIA, FRANCA, ed ENRICO. Quattro illustri figli ,ben educati da mamma ANNA che con severita’ e premurosita’ ha ben crsciuti i figli. tutti dediti agli studi. Il padre CUSTANTINO un uomo riservatissimo chiuso al negozio che gestiva in prodotti alimentari, e prodotti che servivano ai contadini per la semina e coltura dei campi. Vedeva crescere i suoi figli con entusiasmo e severita’.Inducendoli allo studio di scuole superiori. Isidoro si diploma in ragioneria: In seguito diventa SINDACO di RIPA con la DEMOCRAZIA CRISTIANA.Ricopre la carica di sindaco succedendo a CAIONE . Franca si diploma come maestra. MARIA dopo le medie ha fortuna di sposarsi con l’Illustre NISSIN FRANCO, detto lu’ Daziatore! . Franco non nativo di RIPA diventa per il paese un grande personaggio molto educato rispettoso e di cultura superiore.Muore in giovane eta’ dal male inguaribile.Tutti a RIPA lo ricordano con piacere e con emozione. Io porto con me sempre il suo ricordo di un uomo Distinto Cordiale con tutti e Bravo. Ha lasciato una figlia nell’adolescenza, senza vederla crescere negli anni dello splendore di gioventu’ Antonella nata nell’anno1963. Oggi anch’essa Dottoressa molto apprezzata per bravura e socialita’, ereditato dal padre FRANCO LU DAZIATORE:, Gentilissima e cordiale con tutti. Ancora oggi riserbo un ricordo di FRANCA che m’insegnava la matematica come se fosse un gioco . Mi dava ripetizione di due materie, che io ero stato rimandato. Lei era veramente brava all’insegnamento.La ricordo come LA SIGNORINA FRANCA per il riguardo e la stima che le portavo. Sposata si trasferi’ a ROMA mise su’ famiglia con un bimbo. Fu’ per me dispiacere immenso, quando seppi che in giovane eta’ il male del secolo la colpisce e la porta prematuramente alla morte.Profondo ricordo porto con me della sua bravura e capacita’ d’insegnante. ENRICO si laurea in Dott. medico chirurgo a Roma. Si Specializza negli STATI UNITI D’AMERICA, diventa ILLUSTRE MEDICO di FAMA MONDIALE. Le sue Conferenze sono ascoltate in tutto il mondo. A RIPA siamo riconoscenti per questo Illustre figlio. Credo che faccia piacere a RIPA di aver uno SCENZIATO di FAMA MONDIALE. Mamma ANNA era felice ,entusiasta, esaltava per come i suoi figli sono riusciti nella vita. Muore a tarda eta’ essendo anche BISNONNA. Porto con me il suo ricordo quando TONINO di Pirola ed ANTONELLA nel lontano 1963 erano nati . Lei con mia nonna LAURETTA di TOLLO era in competizione. Veniva a casa nostra per spiare la crescita di TONINO a paragonandola alla crescita di ANTONELLA. Mia nonna quasi si urtava della competizione che lei voleva per la sua nipotina. TONINO era orfano di madre. Morta Prematuramente all’eta’ di 33 anni, La MAMMA EVA che ha dato la sua vita per il suo piccolo.
    Mia nonna cresceva il bimbo con amore e sacrificio, dato anche l’eta’ avanzata per crescere un bimbo di pochi mesi. Aiutata da mia madre MARIA di TOLLO per svezzarlo i primi sei mesi di vita.
    Questi ricordi incancellabili fanno storia del paese che mi tiene LEGATO amorevolmente a RIPA ed all’ABRUZZO.Perdonatemi se altri non mensiono. Vi tengo a cuore tutti, morti e vivi. Finche’ ho respiro. Il legame mi vincola sempre piu’ al paese PIU’ BELLO DEL MONDO.
    RIPA TEATINA CHIETI.

  22. Sabrina Fies scrive:

    Hola, mi nombre es Sabrina y estube buscando por internet, fue entonces que encontre tu blog, el cual me gusto mucho, el cual es bastante agradable para leer. Regreso la proxima semana para leerte de nuevo. Saludos Sabrina

  23. E.A. scrive:

    La CANTIN de la ROSCIE’!! IU IUCCIE!! RIPA TEATINA 1960/ 1970
    Esse gesteve la cantin alla piazza della RIPA all’inzie della salita pe MONTECITORIO, la salita della chiesa MADRE. Dove na vot ci stev na case chiu’ bell che la RIPA ti nev, Er la casa di ERSILIA (LA MAMMIN ), che so avut lu piacere di visitarla all’interno.Na’ Casa che pe’ le bene culturali era l’emblem. Peccat! Piccat! l’hann distrutt, pe fa’ post a na palazzin che nn te nisciun valore nemmen di modernita’ nu schif. Quell can fatt e’ stat reprorevole in tutt le sens. Che bell ch’era’! Tutte che li dipint alle volte delle stanze, che le bell salun con affreschi.Ha! Ha! che scelleratezz cann fatt!!. E’ stat nu’ sacrileg, che chi l’ha fatt ha da te ne’ pe’ rimors pe tutta la vita. Iu iuccie na’ femminen nn tant avite Roscie di capill sempre vestit di nere . Mamma di tre figlie, du femmen e nu’ maschio. Lu maschio si chiama LORENZO, Oggi fa’ lu medich alla RIPA . E’ NU FRIGNON avet come la mamma,sempre elegant gentile nn ghe le pazient.Molto COLTO e rinomato, pecche’ e’ brav e’ conscensioso vers chi nn sta bon’, molto paziente pi sta a sinti’ chi i pone le prublem.La ROSCIE ci sapev fa’ alla cantin ,sapev gesti’ le vicchiarill che tra na’ partita a carte e na’ passatell, purtuv sempre da bev.Vin ammisticat nn ghe la gazzose si sprichev, birra a go go, e bicchierin.
    Ie ero juvaglion e tant vote mia zia EVA con discrezione mi dicev va’ alla cantin e vamm a chiama’lo zio. Era MARIO lu cecat, padre di TONINO e LAURA che so’ le cugin me e che i port sempre allu core me. loro oggi hann format la famiglia loro con figli .Lo zio MARIO quando ha rintrev da fatia’ stev sempre alla cantina a juca’ e ha fa’ le passatell.Io entrev e alla port le sentev anche a strilla’ pecche’ nn iev d’accord pe’ le propost che lu sott facev, ess ere padron e vulev a come diceve esse. Allu sott le mannev OLM, esse ti dev la goccie e si bevev tutt la buttie di birra. Uno appress a l’altre a cusci’ arrivenev alla casa imbriac ma felice che ess ha mannat olm l’amicie se . Quand vot mia nonna Bonaneme, LAURETT di TOLLO iev a litica’ nn ghe la Roscie picche’ anche lu marit se’ arrivinev imbriac. Lu’ NONNO me’ era ZI’ PANTALON de PALAT, benedett l’anima se’. “ISCI FOR CAFON’: NN TINGH NA’ LIRA!! Ma ha bev ci iev lu stess. Dop s’asitteve allu’ gradin della casa a SPACON e s’addurmentev e stev nn ghe la cocci rivers a durmi’. Quand ie passev tutt arindrev e liticheve nn ghe la moie peche’ ZA’ LAURETT nn vu’ leve che rimanev for a cusci’ assittat allu gradin che s’intrev alla casa. Dicev sempre che nn ier bon che s’assetev for la port di casa. La gent che dice?’ LA GENT CHE PENS che nn ti nu lett? E Che si sempre n’umbriacon!. A pinsa’ che quand s’arrizzev la mattin prest era gia’che iev alla cantin, che s’avev fatt lu biccher. Siccom era alcolizat nn le reggiev chiu’ nemmen diu bicchier er gia’ partit. A me piacev tant pecche’ ci litichev e ess le battut nn le facev manca’.Tropp FREGN NONNO’ PANTALONE nn ghe lu’ cappell sempre alla cocci e dop anche lu baston pe’ z’appuia’.Ti nev nemmen 60 anni puvirell era ridott a cusci’ Lu vin! cose ti CUMBIN ta’ ridducci tropp vecchie prest! Era na figura che a me piacev na’ freche tropp fregn.NN TENGHE NA L’IRA CAFON!!! Pero’ er di cuore veramente brav quand stev serene ere FREGN! e lu’ paese ie vulev ben. I l’accumpagnev a d’urmi’ a mont pe la scal mi dicev che da sol c’e’ l’ha facev, quand arrivev sopra si girev e mi dicev grazie, picche’ mi si aiutat, e nnghe nu sorris di compiacenza, mi vulev ben assai. Ma di vin na’ bevut na frec in vita.Ess facev lu credit e quand piev la pension ere chiu’ cadeve ha da’ che di rest che piev.Padre e figlio sempre alla Roscie ,che i piacev a juca’ a carte a briscul ,a tre sette oppure a scopa,nn zi’ faceven frica’mai sapeven juca’ a tutt le juch pe quess eren fregn.La ROSCIE sapev gesti’ bonn la cantin tutt da sole esse.Oggi lei vive di questi bellissimi ricordi .Io quando la incontro con piacere rivedo in me mio NONNO PANTALONE mio ZIO MARIO. ARMANDO, LU SCUPIN, ROCCO DI TACCON, MARASCION, TONINO CELLA PILAT, GINO di PALAT che tornando come emigrante dal BELGIO veniva con piacre alla cantina a farsi LA PASSATELL, TANTI e TANTI che oggi sono al sonno della pace eterna. Sono LA’!! a S.STEFANO circondato da PINI MAESTOSI e da affetto dei propri famigliari. Tanti amici che non ci sono piu’! Oggi e’ bar “PROMETEO” Ma e’ gestito da giovane copia, “SARA ed ADRIANO PIERSANTE. Oggi la gioventu’ IMPERA! Si organizzano serate di musica,di balli all’aperto, in tempo d’estate, vengono messi tavolini fuori per commenti giovanili, relax di comitive, ed aperitivi della casa. Non si gioca piu’, non ci si ubriaca piu’come una volta, le passatelle vanno verso il declino perche’ distruggono l’esistenza.Pero’l'ambiente di struttura e’ rimasta com’era. Tutta quella gente che gremiva la cantina non se ne vede piu’.La Roschie fa’ storia a RIPA, noi che oggi siamo anziani, con piacere ricordiamo tutto questo, Quello che ESSA ha rappresentato per chi era amante della CANTINA all’ora. All’epoca esistevano tante cantine la ROSCIE era la piu’ frequentata se ne contava in un piccolo paese come la RIPA ben OTTO. Erano tanti. A te IU IUCCIE ( La ROSCIE)!che dai questo gradito RICORDO degli anni piu’ belli, della mia passata gioventu’ a RIPA TEATINA. Ti Ringrazio VIVAMENTE. Sei anche mia parente dei PALAT…….

  24. Signor Antonio Esposito,vorrei darti un consiglio,perche’ non fai un libro con tutte le storie di Ripa,i soprannomi,poesie,e vedrai che non ci sia un Riparolo all’estero che non aquistera’ il libro; leggendo alcune delle tue poesie mi riporta indietro con la memoria negli anni sessanta,e veramente un piacere, ciao Umberto da Philadelphia.

  25. E.A. scrive:

    Volgo il pensiero a tutti gli EMIGRANTI di RIPA TEATINA. 23/02/2010
    Colgo l’occasione per ringraziare pubblicamente il Sig. UMBERTO GIAMPAOLO. Emigrante come me in terra lontano dal paese piu’ bello del mondo RIPA TEATINA. Che Ereggie in una Maestosa collina circondata da campi di coltivazione di grano che a giugno si colora di giallo oro dando colorazione viva alle campagne.Da frutteti che si vestono di colore verdeggianti per poi appesantirsi di profumati frutti . Da estesi Vigneti che sono la ricchezza del vino MONTEPULCIANO D’ABRUZZO che riempiono le nostre tavole. Di fronte dove nasce il sole dal mare, godi la bellezza dell’aurora e l’alba del sole nascente. Le cime imbiancati di neve della maestosa MAIELLA seconda cima piu’ alta dell’appennino, dopo la vetta del GRAN SASSO. Vedi la bellezza del tramontar del sole.Le nubi che si tingono di colore rosso fiammante dando la certezza che domani si spera in una giornata meravigliosa.(ROSSO di sera Buon tempo si Spera).Il Tramonto ove il sole scompare come una palla di fuoco, va’ a dormire dietro le montagne. Ecco questo e’ la ricchezza che noi emigranti abbiamo lasciato al paese piu’ bello del mondo. TRE sono i motivi di rimpianto che ci portiamo dietro negli anni 1)Aver lasciato il paese nell’eta’ piu’ bella della nostra gioventu’.2)L’assensa del nostro contributo del lavoro e del guadagno per il paese. 3) La voglia matta di terminare i nostri giorni della vita terrena al proprio paese natio. Caro UMBERTO e NOSTRI paesani sparsi per il globo. Il solo rammarico che siamo andati via. Ma siamo riconoscenti a quanti sono rimasti a RIPA. Perche’ ci hanno conservato e migliorato sempre con entusiasmo il PAESE PIU’ BELLO del mondo. L’idea da te congeniata mi entusiasma molto. Credo di non essere all’altezza di scrivere un libro. Certo sarebbe bello. Forse se qualcuno riunisca questi frammenti di ricordi e di malinconia dei nostri cuori. In un libretto sarei immensamente felice. Con Ossequioso saluto a tutti gli emigranti di RIPA TEATINA. GRAZIE ancora a te UMBERTO GIAMPAOLO in PHILADELPHIA! AMERICA

  26. E.A. scrive:

    La RAZZA PALAT!de’ la RIPA! FAMIGLIA ESPOSITO
    LU SANGUE NON MENTE!!!TORINO. 24/02/2010
    Che! numerosa famiglia, che so’ le PALAT ESPOSITO alla RIPA!! Lu trisnonn me, stev a NAPUL nu’ iorn chi sa’ picche’ si na iet da NAPULE e man man a pete e’ arrivat allu paese della RIPA. Ha mess famie nnghe tant fie, a cusci’ san imbustat pe’ sempre alla RIPA. Na’ schier di fie han vinut allu mon. Tra li quale mio nonno Zi PANTALON, Zi PETRUCC, Zi NURIN e tant ancor fratell e surell che mo’ nn ma’ ricord le nume. Zi PANTALONE ( Isci for CAFON!! nntinghe nemmen na LIRE!!). Sa’ spusat nnghe ZA’ LAURETT di TOLLO, nnghe esse, a nat nat Mamma me’ MARIA di TOLLO, lo zio ATTILIO grande Sartore rinumat a FIRENZ ,LO ZIO MARIO lu Cicat, che e’ stat tant SFURTUNAT puverell, ess grandissimo lavoratore nnghe la ditta BERARDOCCO che gistevn le MACCHINE MOVIMENTO TERRA caterpillar lui guidava la 977 che all’epoca era enorme. . La moie EVA NICOLO’ di CRISCENZ sa’ mort tropp giovan. A soli 33 anni, pace alla sua anima. Na’ femmine Curaggiosa e MARTIRE che ha sol ricurda’ la comozione ti pie ancora oggi dop tant’anni. Picche’ ha sacrficat la vita se’ pe’ lu fie maschio TONINO di Pirola. Oggi quarantacinquenne, spusat nngh CINZIA MATTIOLI na’ bravissima femmen, colta e laburiosa na frec, nnghe tre fie FEDERICA, EMANUELA oggi madre di nu’ belle fie FRANCESCO e MATTEO di PIROLA. Con allora la piccirill LAURA che tenev 2 anni appene erano orfane della mamma. Oggi mamma bravissima con tre fie maschi MARCO, FABIO e STEFANO. Zia NUNZIATINA che se na’ ite all’AUSTRALIA a MELBOURNE nel lontan 1962, e sa’ spusat Lo ZIO CARMINUCC di CRECCHIO nngh na’ bellissima fie LORELLA DI PAOLO.Zi’ Pietrucc sa’ spusat Za’ MINICUCC, esse hanno avut cinque fie. Gino di PALAT. Padre esemplar hann avut 7 fie se ma ricord bon nnghe la moie GIUSEPPINA di chieti. che mi fa’ nu’ monn di piacere a ripurtarl. Poi si na’ ite allu’ BELGIO, VITO di PALAT Molto rinumat ancor oggi , picche’ nu grand affarist e fregn na frec nnghe lu’ commercio di frutt all’ingross. Sa spusat DERNA MARCHESANI de l’ALENTO , Bellissima femmen in giovane eta’ .Alla RIPA tutt se l’ha ricordano allu’ negozio della frutta, le gestev bon’ e ci sapev fa’ . Era buona di core, affabile e gentil nnghe tutti le massaie che ievene a fa’ la spesa da esse. VITO e’ stat l’unico della famiglia,che dalla RIPA nn za’mai moss. Beat a esse, amev la RIPA . Pero’ sa’ costruit n’azienda ortofrutta. Ha avut GRAZIANO che oggi sa’ piat tutta l’azienda. E’ na’ frech in gamba , ha carisma e cordialita’ fuori dal comune e’ bravissimo in tutto. GABRIELLA di PALAT na frec intraprendete disponibile con tutti nell’organizzare manifestazioni pe’ le feste de la RIPA. POI Lu’ rinomato MAESTRO di MUSICA Proff. FAUSTO ESPOSITO , Prima tromba, dirig anche la band della RIPA. Acquisento fama e compiaciment dalla gent di RIPA. Va dappertutto persin hann ite all’AMERICA che sono stati na’ frec apprezzat. MARIA de lu’ Belgio anch’ess ha emigrat allu BELGIO. TONINO di BRESCIA anch’ess emigrat a BRESCIA, grand fatiatore, facev lu camiunist e’ stat lu’ dominator delle strade in tutt l’TALIA da lu’ nord a lu’ sud, ess facev canta’ lu camion. Mo’ i ha quasi arriscit a sta’ sempre alla RIPA. Beat a esse, fa’ lu pensionat ma nnn za’ sta’ ferm. S’accatat n’urticell nnghe tant piant dell’uliv. Si sa’ organizza’ bon, sa’ cucina’ l’ascciel de lu’ pullastr na frec bon . E’ chi sta’ mei di esse Magne e beve.Lu mare di Francavilla e’ quase delu se’. Quand e’ fregn TONINO di BRESCIA! A lu’ bar di Cipolla ioca’ a cart, tutt li vonn pe lu’ tre sett, o la scopa , vince o perd, nn ie ne frech, bast che si divert a fa’ arraia’ l’avversari fa’ lu pazzacchione! Quand partite mi so’ fatt nnghe esse e vincem quasi sempre hhhhaaaa. OLGA de PALAT anch’essa emigrat all’AUSTRALIA.Fors chiu’ di nu’ PALAT manca all’appell, che nn so’ numinat ma ne sem na’ frec, quiss che so’ numinat e’ picche’ mi ci so’ truat bon. Che dice di chiu’?I so’ felice di fa’ part a sta’ famiglia PATRIARCALE!! gli ESPOSITO!! di sicuro hanno fatto la storia alla RIPA. A chi addummin che si’ delle PALAT? SCIINE!! Allor sete FREGN tutti quind!!.Rivolgo con rimpianto a tutti i parenti dei PALAT che hanno lasciato questa terra e dormono al sonno della PACE ETERNA . Possa DIO BENEDIRE la loro ANIMA e rivolgo una preghiera di Comianto, SPLENDE A loro la LUCE ETERNA. Giovani PALAT! vi tramando questi ricordi dei vostri Avi, con gioia nel cuore. Siate l’orgoglio,la continuazione, della razza PALAT! ESPOSITO.

  27. Signor Antonio ,Grazie per avermi inserito anche a me alla lista dei capolavori di RIPA TEATINA scritti da lei, pero’ dovremmo andare a RIPA piu spesso e goderci le tradizioni del nostro paese.

  28. federico scrive:

    congratulazioni,continua…!!!!!!!!!!federico

  29. E.A. scrive:

    Dedico un Ricordo ad ANNA SPACCA da FRANCAVILLA. RIPA TEATINA,06/03/2010

    A te Mamma’! come TONINO ti chiamava, ci hai lasciato in punta di piedi verso il Paradiso. Chi e’ ANNA SPACCA? per il paese RIPA TEATINA? Correva l’anno 1964 fine di novembre. Mio zio MARIO (Lu Cicat). Rimasto vedovo della prima moglie EVA NICOLO’ di CRISCENZ, Donna Storica a RIPA TEATINA per il suo martirio, all’eta’ di soli 33 anni. Lasciava questa terra, dopo aver dato alla luce un bellissimo figlio TONINO di Pirola.Oggi 47 settenne,padre di tre bellissimi figli FEDERICA, EMANUELA e MATTEO, con sua moglie CINZIA MATTIOLI.Lo zio MARIO conobbe ANNA SPACCA nel mondo del lavoro presso suo cugino VITO ESPOSITO. Lei operava col mettere a confezioni frutta e verdure su cassette per spedizioni nei vari mercati al nord d’ITALIA.Tuttto entusiasto di averla conosciuta, era fiero di lei. Si presentava bella, con occhi belli, con il previlegio che lei pur conoscendo la situazione a cui andava incontro, accettava questo Uomo lo ZIO MARIO che ritrovava la felicita’ perduta, La porto’ a casa sua Io ho avuto il previlegio di darle il Benvenuto a RIPA TEATINA, a casa di Spacone in via S.COLOMBA. Con me a casa per il benvenuto c’era Giulia di Spacone, una donna anziana indimenticabile per tutto quello che si adoperava, volenterosa di aiutare questa sposa nel migliore dei modi. C’era anche ISOLETTA moglie di CUMPARELL noto Sarto apprezzato, e stimato della maestria innata a cucire vestiti. Anch’essa tutto per la collaborazione di aiuto .ANNA trova un bimbo in tenera eta’, ed una sorellina LAURA di tre anni.Da quella sera lei prese a se’ tutti i problemi di quella casa.Con entusiasmo di una madre in seconda. Da’ la possibilita’ di tranquillizzare tutti.Disse, Accetto questa situazione nel migliore di me stessa, mi dedichero’ a questi sfortunati figli orfani della loro mamma. Col proponimento che loro crescano in armonia senza far pesare la mancanza della loro mamma.Dando certezza che questi bimbi crescano in salute e in prosperita’ ed avvalendosi dell’aiuto divino, che gli dia forza ed amore.In tutto questo la zia ANNA ha fedelmente mantenuto la sua promessa, con spirito di sacrificio, con rispettare tutti quelli che le giravano attorno.Certo lei ha superato ogni ostacolo della sua vita, persino dopo appena dopo 14 anni dal matrimonio con lo Zio MARIO rimane vedova . Suo marito muore a soli 49 anni il 29/11/1979. Ma lei con la grinta che aveva, ha saputo superare anche questa vedovanza sin alla fine dei suoi giorni. Garantendo assiduita’ all’impegno che si era presa. Seguiva sempre da vicino ogni momento della loro crescita, con tenacia e rinuncie ed anche mortificazioni . Oggi lei ha dato tutto il suo essere di madre matrigna. Il suo rendiconto al paese e’ molto positivo, certo oggi la piangiamo perche’ in tutta la sua permanenza su questa terra ha sbalordito il paese. Riconoscono in lei tutta la sua abnegazione posta alla famiglia.Il suo messaggio e’ stato di esempio a tante matrigne che magari hanno cattivo nome per il loro impegno verso i figli di altri.La zia ANNA Ha fatto FRUTTARE bene i suoi sacrifizi.Tonino e LAURA crescono bene . Appena sono intenzionati a sposarsi la Zia ANNA si prodica con tutto cio’ che dispone. Lei mette tutto il suo entusiasmo per la buona riuscita .Diventata nonna ancor di piu’ lei s’impegna a farli crescere.Raggiunge quota 6 nipoti tre da parte di LAURA che sono MARCO, FABIO e STEFANO.Da parte di TONINO sono, Federica Emanuela ed in special modo MATTEO che essendo maschio prende previlegi . Oggi tu sei La’ Presso S.stefano ti sei fatta costruire una CAPPELLA per raccogliere te e tutta la famiglia. Quella Cappella che tu hai saputo donare a noi della famiglia con i risparmi, con il lavoro svolto da tuo marito lasciandoti la sua pensione. Tu ha giustificato che quei soldi della reversibilita’ hanno fruttato la piu’ bella casa per l’aldila’. Grazie a nome dei tuoi fedeli figliastri, che sin all’ultimo tuo respiro ti sono stati vicini.Hanno evidenziato quanto tu hai fatto per loro. Ti saranno Riconoscenti a pieno del tuo bene che hai saputo dare.HA!! HA!!quanto tu sei stata per loro importante! Quanta riconoscenza posita ora piu’ che mai Meriti!. Quella luce viva che hai saputo infondere alla loro vita risplenda sempre piu’ nei loro cuori. Dio che con la sua infinita’ bonta’ possa averti accolta al suo regno eterno nella gloria . Grazie MAMMA per tutto quello che hai dato a questi tuoi Figli e Nipoti che ti sei abbracciato. Io piu’ che mai che ho vissuto i tuoi primi anni della venuta, ti ho conosciuto bene, hai in me lasciato un vuoto permanente. Sono testimone a quando tu sei stata brava e tenace. Ciao Zia il mio ringraziamento e’ doppio perche’ al finire dei miei giorni, oggi ho la certezza del posto che hai dato a noi tutti in famiglia.TONINO,con i suoi figli, FEDERICA, EMANUELA, MATTEO e FRANCESCO figlio di MANUELA . LAURA Madre di MARCO, FABIO e STEFANO ti porteranno sempre nei loro cuori. Splendi la luce perpetua e riposa in Pace.

  30. E.A. scrive:

    So’ cote nu’ gigli allu’ giardin dell’amore. torino 18 MAGGIO. 2010
    Eri in mezz a tant gigli, ma quell che so’ coite e’ lu chiu’ bell e maestose. Si vulesses paraguna’ a te donna de lu’ core me nn zi po’.
    Stu’ gigli e’ come se parlesse, e’ bellissime bianche e nnghe nu profum che si sent da luntane.
    Ma nn sa’ parla! nn sa’da’ dulcezze,amore e brividi di sensazione e calore alla carne. La donna e’vive,sa’ da’ tutt quell che n’ommin vo’, di volutta’, di bene, di gioie e dulure alla carne.
    A te femmina tutt lu’ cumpiaciment, tutt lu’ sentiment, e’ tutte alle mane a se’
    Fa’ di me’ l’ideale che sempre so’ sugnat,riimpie lu’ core me’ di amore di gioie nn li fa’ isci mai.
    Ogni mio lamento, ogni mia lode e’ pe’ te’ ogni mie desiderie,
    ogni enfasi che si da’, e’ la ricchezza me’.
    Sii x sempre fonte di ogni bene, di gaudio allu’ core me’
    Grazie pe’ tutte le cose che fi’, tu si’ la font di ogni cosa di ogni bene
    che porte nnghe me.
    Chi scii Benedett!! lu’ PADRE ETERN che ti da’ la vita , ogni cose che tu vu’. la pace , la salut e la vita pe’ sempre, finche’ la morte nn ci separ .
    Lu’ gigli passe di seconde piane, e’ sole belle e profumat ma nn te’ mai lu’ post allu’ core me’.
    Dio ta’ fatt bellissim ma chiu’ belle di na’ donna che sa’ amar, mai.
    Poi dure poche temp ti la vita cort ma la DONNA vive + a lunghe, da’ le figli e l’amore pe’ crescerle. chi + di esse e’ e’ dono di DIO x noi .
    Grazie di esserci, di furma’ la bella famiglie attorno a li figli ed a lu sposo x sempre . NNghe tutt l’AFFETT che si po’ da’. BAY. E. A…..

  31. mario scrive:

    Antò si fregn, n’sapev ca sapiv scriv lu dialett a cuscì bbòn , cert ca’ n’te le si scurdate. brav, te so spedit la rutell ghe le fotografie de lu paese me, Langian, sper ca te piace.
    Te facc le cumplimint ancor pe’ le poesie .
    ciao Mario

  32. tiziana scrive:

    Nei racconti di Antonio Esposito,mi colpisce l’amore per la sua terra e nello specifico per il suo paese.Spicca la conoscenza delle storie passate e sopratutto dei suoi concittadini.Si nomina portabandiera di un mondo che non c’è più,ma che vive nel suo cuore , più giovane e amato che mai.Mi piace il suo modo semplice di raccontare le cose,andando diritto al segno,senza tergiversare in inutili cerimonie.Un uomo che ama le donne come esseri superiori nell’anima,e alle quali con magnifiche parole ne esalta la bellezza e il rispetto che lui ha per loro.Grazie Antonio

  33. E.A. scrive:

    Cara e dolce mamma TIZIANA. Torino, 23/MAGGIO/2010
    L’emozione che tu oggi ,leggendo x la prima volta alcuni miei brani. Mi hai dato gioia al cuore ed entusiasmo.
    Tu sei nativa di ROMA, i tuoi Stimatissimi Genitori sono di origine ABRUZZESI e ne esalto, la loro origine con piacere immenso.
    Pero’ Tu hai dato quasi involontariamente una lezione di rispetto ai miei Concittadini. Esponendo un commento, con giudizio molto eloquente e esauriente ai mie scritti.
    Nessuno dei miei PAESANI che hanno avuto modo di leggere. Hanno fatto un commento, come tu oggi l’hai inviato.
    Sono commosso a tale analisi che hai esposto, m’inorgoglisci e mi sproni a ripetermi con lo scrivere ancora . I momenti di Nostalgia, Fatti di cronaca del Paese, Poesie di dedizione alle creature SPECIALI. Che siete voi.
    ANCORA doveroso GRAZIE, dal profondo del mio cuore, per il suo commento pervenutomi. Sul GIORNALINO di RIPA TEATINA.
    Colgo l’occasione di inviarti i miei + distinti saluti.
    Dio che nelle sua infinita’ BONTA’ Ti assista e Ti benedica e ti Protegga.
    Voi Tutti in famiglia.
    BAY. TONY.

  34. E.A. scrive:

    Cara e dolce mamma TIZIANA. Torino, 24/MAGGIO/2010
    L’emozione che tu oggi ,leggendo x la prima volta alcuni miei brani. Mi hai dato gioia al cuore ed entusiasmo.
    Tu sei nativa di ROMA, i tuoi Stimatissimi Genitori sono di origine ABRUZZESI e ne esalto, la loro origine con piacere immenso.
    Pero’ Tu hai dato quasi involontariamente una lezione di rispetto ai miei Concittadini. Esponendo un commento, con giudizio molto eloquente e esauriente ai mie scritti.
    Nessuno dei miei PAESANI di RIPA TEATINA, che hanno avuto modo di leggere. Hanno fatto un commento, come tu oggi l’hai inviato.
    Sono commosso a tale analisi che hai esposto, m’inorgoglisci e mi sproni a ripetermi con lo scrivere ancora . I momenti di Nostalgia, Fatti di cronaca del Paese, Poesie di dedizione alle creature SPECIALI. Che siete voi.
    ANCORA doveroso GRAZIE, dal profondo del mio cuore, per il suo commento pervenutomi. Sul GIORNALINO di RIPA TEATINA.
    Colgo l’occasione di inviarti i miei + distinti saluti.
    Dio che nelle sua infinita’ BONTA’ Ti assista e Ti benedica e ti Protegga.
    Voi Tutti in famiglia.
    BAY. TONY.

  35. Antonio Esposito scrive:

    LU Sogn.. de N’EMIGRANTE..
    Quante e’ belle a sta’ in Abruzzo in special modo alla RIPA di CHIETI .
    E’ nu’ paese in cima a na’ ripa,che domina tutt la vallata di CHIETI e de l’ALENTO, e de la MADONNA dellu FREDDO. E dall’altra parte di Miglianico Villamagna e Tollo e lu mare blu di FRANCAVILLA.
    E’ tutte belle pe’ chi sta’ alla Ripa. L’aria che si respire e’ salubre e ti riempie le pulmune na freche bone.
    La vicinanza a lu’ mare di Francavilla e’ na’ bellezze .
    Ti vide la Maiella nn ghe le cime imbiancate di neve e na’ meraviglia!!. .
    La mattine, quando tarrizz, ipre lu’ balcone e dice; ma e’ proprie belle sta’ a la Ripa!! spensierat, ci s’arinascie!!.
    Dope vi’ a lu’ Bar di FRANC Cipolla e sint le nuvita’, le pittilarie di tutte.
    T’infurme de, le nuvita’ di cose succede giornalmente, pirle di calcio e di politiche. Di na’ letture a lu’ giurnale Il CENTRO di CHIETI.
    Fi’ la culazione preparate dalla moie di FRANCO di Cipolla, che li fa’ davver bone lu cappuccine nn ghe nu pezze di torta.
    E nu’ caffe’ a lu bicchierin davvero na squisitezze che ta ricree.
    Dope nn ghe na’ partita a carte,e arrive mezze iorne pe’ ie a magna’ o SAGNE e Faciule, oppure lu’ timpalle a lu’ forn,o la Purchett, le savicicce.
    Oppure si po’ ie da VINCENZ o da PROMETEO che e’ nu bar pe’ le giovane e bardasciune che sentene la musica moderna e se la raccontano le avventure che hanno avute…
    Se e’ d’estate ti ni vi a lu mare di Pescara o di Francavilla o a lu’ RICCIO di ORTONA.
    Chi vu’ di chiu’?? Si vive a dimensione di uomo, ci si salute nn ghe lu sorrise e la iurnat si svolgie bone e tranquille.
    Ecco a come si sta’ alla Ripa,!
    Da pensionate si sta’ bone e ci sa’ ricree ta risinte giovane e piene di vita.
    E l’omne campa spensierate, e preghe Lu’ PADRE ATERN !!che ti fa’ sempre campa’ + a lunghe, nn ghe salute e armonia con tutti.
    E’ chi vu’ di Chiu’?
    Un Emigrante che ha lu paese de la RIPA sempre a lu core, e spera tant di riturnarce pe’ sempre.
    Se non da vive, almeno le ossa riposino a S.STEFENO, a lu cimitere.
    Nn ghe la serenita’ Eterne.
    TONY da TORINO…

  36. Antonio Esposito scrive:

    Una Pagina x i PROVERBI.. RIPAROLI ..
    Che dici se li PRUVERBIE dei nostri antenati venissero ricordati?
    Con nostalgia ,ci hanno accompagnati nella nostra crescita, da bambini ad oggi anziani.
    Io ci Provo ad elencarli con mio piacere. Esorto a dare assenso a questa mia iniziativa che credo piacera’ molto a tanti.
    Che Dio ti benedice ora e sempre.
    Che sci benedette S.ANTONIE.
    Che colpe ne’ ha la gatte, se lu’ padrone e’ matte.
    Rosce di sere buon tempe si spere.
    Tante va’ a lu’ lard, che ci lasce lu’ zampine.
    Mo ve’ Natale nn tinghe denare.
    Chi li fa’ se l’ha spett.
    Ha ricurdete sempre.. che sotto l’umbrelle nn gi piove.
    So’ iete a Guardiagrele porca di na cannele.
    Mamma me’ quande e’ belle stu’ citele!!.
    Crisce sane lu’ fia’ me,e’ sempre tant belle.
    Che ti pozz pia’ n’accidente, a te che si malamente.
    Che sci accise tu che nn si campa’, nn ghe la gent.
    Lu monne e’ fatte bone!! , Seme nu’ malamente, che le seme arrruvinate.
    Le guaie chi le te’ se le’ tene.
    N’omene tante e’ furbe che cia’ rimette. Chi semine male a stu’ monne, male ariccoie.
    Lu’ male chi li fa’!! se l’ha spette.
    Quante e’ triste a sta’ luntane da lu’ paese me’.
    NN gi sta’ rose belle na’ freche, senza le spine.
    Nn ci sta’ rosa, che nasce, su’ li monti di pietra.
    A la moie, tutte le mattine, dai nu’ schiaff, in tutt la iornat, na cavolat le fa’ di sicure.
    Ta’ rispette e ti vo’ bene di chiu’.
    L’amore ni e’ belle, se ne ie’ nu’ litigarelle.
    Passate la fest , gabbate lu’ Sante.
    Eccetere Eccetere…
    Caro ELIO e’ una mia idea, che sono sicuro tanti e tanti altri proverbi si aggiungerebbero nella mia lista che ricordo.
    Spero che sii gradito a tanti di questa mia iniziativa.
    Potresti aprire una pagina apposta, tanti sono i detti che ora non ricordo +.
    Un abbraccio e grazie x questa possibilita’ che dai su questo sito .
    Noi Emigranti che amiamo il paese di RIPA…TONY da TORINO..

  37. Antonio Esposito scrive:

    Ad UMBERTO GIANPAOLO, a LOU di PALAT, alla DANIELA PRESTICIPIO, (credo che sii il suo cognome).. ed alla cara ZIA NUNZIATINA con LORELLA di PAOLO, che vivete oltre Oceano….
    Dedico questi proverbi Riparoli x ricordarvi che siamo sempre della RIPA…Lu’ Paese chiu’ fregne de lu MONNE!!!!!! …
    Lu monne e’ fatt a scale, che scende e chi sale.
    Sta’ Passa’ lu becchine e mi gratt sott lu’ miicule.
    Chi si vant, si smant..
    Dope la feste lu mal di teste.
    Lu torte subit!!, ave a pungere pe fa’ male.
    Chi piu’ ne’ ha, chiu’ le mette.
    Ne fa’ all’altre quelle che nn vu’ che si facce a te’.
    Chi si cuntent!!! gode!!!..
    Che ti pozze a numanbenn, chi nn te le dice….
    S.BENEDETTO la rondine su lu tette, pe’ avvisa’ che la primavere e’ arrivata.
    Si fi’ lu male te l’ha spitt,nn gi sta’ vers!!, ti coie di sicure!!.
    Non Tutte le torte, escene nn ghe lu buce..
    Cari Paesani spero che vi piacciono.. Questi RICORDI di DETTI PROVERBI Riparoli. Abbiate in voi momenti, belli di ricordi di giuventu’ trascorsi a RIPA. Un abbraccio a VOI tutti.
    Un BACIONE alla mia Adorata Zia NUNZIATINA e LORELLA di PAOLO da MELBOURNE AUSTRALIA.
    TONY da TORINO

  38. Antonio Esposito scrive:

    La Bellezza che so lasciate!!
    Lu paese della RIPA.
    L’aurora dipinge na Strisce di luce roscie sopra lu Mare di Francavilla.
    A lu mare lu sole esce come na palla di foche, che si specchia, sta’ pe’ nasce.
    L’alba ti porte lu sole splendente quasi a lu centre de lu cielo, e incumincie a riscallarte la brezza mattutina.
    Lu cielo prive di nuvule, e’ azzurro a cusci’ bello e splendente.
    Lu paese sa’ risveie nn ghe na bellissima juornat che ti ve’ voie di fa’
    na passeggiate prest.
    Sinte li rintocchi delle campane, della chiesa Madre, che ti fa’ tante piacere.
    T’avvise che la funzione della chiesa t’aspette e ci vi nn ghe tante piacere!!
    Pe’ ringrazia lu PADRE ETERNE!! che ti da’ natra iurnat da vivere in salute sempre bone.
    Le porte de li negozie s’aprene, pe fa’ la spese, e li negozianti gentili t’aspettene che vi a cumpra’ quelle che ti serve.
    L’anziane va’ a lu’ bar, fa’ colazione . Legge lu giurnale,e pittilarie, pe sape’ le nutizie di quelle che succede.
    Lu’ gall ha dat la sveie nn ghe lu chicchirichi, ripetutamente pe’ sviarte.
    Ipre lu balcone e fi’ intra’ la luce de lu sole gia cal, nn ghe la cuntentezze che prove dentre..
    Tuttu ma ricree!! tutte e’ belle!
    E’ che vu’ di chiu’? a tanta meviglie che sa’ da’ lu paese belle come la RIPA.?
    Quante e’ belle la nature estive! nn ghe tutte lu calore che da’ e la vioie di campa’ a cusci’ fregne.
    Le culure della campagne so’ tutte verdeggiante, lu panurame che ti da’,
    ta’ ricree!!
    Le fruttete ricche di frutti che pensolano dai rami, pe essere raccolti.
    Lu cuntadine a bon ora sta’ gia a fatia alla campagna.
    Cariche la frutte ca’ cote, pe purtarle a lu mercat.
    E’ na bellezze che in citta’ nn li vide mai e nn l’apprizze.
    Queste e’ cio’ che risente la mia nostalgia delle belle cose lasciate .
    Le so lasciate da tanti anni x vivere in citta’.
    Ha Ha!! la vite de lu’ paese quande e’ fregne!!
    TONY da TORINO.

  39. Antonio Esposito scrive:

    L’UNITA’ D’ ITALIA.150 Anni.
    Il TRICOLORE che Simboleggia la NAZIONE ITALIA.
    L’INNO di MAMELI che innalziamo a Gran voce , LA VITTORIA E PRONTI ALLA Morte x eventuali agresioni dallo straniero.
    Verde e’ la speranza, verde sono gli alberi che imboscano le montagne,le pianure e le colline del territorio d’ITALIA .
    Bianco e’ il candore delle nevi che sono nelle cime alti delle belle montagne le ALPI , e degli appennini, che sono di protezione e l’ossatura della Penisola .
    Rosso e’ il fuoco del cuore , rosso e’ il sangue dei nostri patrioti che sono martiri x tenere libera la nostra ITALIA.
    La nostra bandiera Tricolore ci unisce in un solo sentimento di” Amor x la Patria, Amor x la Liberta’, Amor x L’Inno Nazionale, con un solo grido VIVA L’ITALIA.
    L’Italia che nel secolo e mezzo e’ stata sempre dominata da invasori stranieri ,e’ stata martire di se stessa.
    ONORE’ GLORIA’ e DIFESA’ X L’ITALIA UNITA…
    Eroi delle guerre che hanno difeso L’ITALIA, e l’hanno UNITA in una sola NAZIONE Indipendente dagli stranieri.
    Essa era divisa in tanti staterelli.
    Oggi in un solo stato UNITO dalle ALPI sino alla SICILIA.
    Grandi UOMINI si sono distinti x il loro VALORE in letteratura a livello mondiale.
    Da DANTE ALIGHIERI (SOMMO POETA) che ha dato i natali alla lingua italiana. Tanti altri celeberrimi scrittori e poeti.
    In Scienziati che hanno dato il loro contributo x la scienza, in scoperte ed invenzioni riconosciuti x tutto il mondo.LEONARDO da VINCI (SOMMO SCIENZIATO in tutto)e tanti altri.
    In Arte, che hanno saputo sfoggiare fantasia, in sculture,in pittura. MICHELANGELO BUONARROTI (SOMMO Scultore e pittore ).
    In moda ed in grandi opere x tutto il mondo.
    L’ITALIA nostra BELLA e’ meta di turismo che la paragonano “Il GIARDINO d’EUROPA”.
    Il 17 Marzo 2011 festa nazionale riconosciuta dalle nostre istituzioni.
    Io personalmente sono del dopo guerra ho vissuto sin ora,ho 65 anni,tutti vissuti in pace e libero ,nella DEMOCRAZIA nella LIBERTA’ e nel benessere.
    Porgo a chi ha reso l’ITALIA libera, il mio Riconoscimento , Ringraziamento e Devozione.
    a memoria del 150 anni di UNITA’ NAZIONALE.
    TONY da TORINO..

  40. Antonio Esposito scrive:

    LU’ SOGNE CHE Tenghe…
    Tutte quelle che ti voi di’ e’ che alla RIPA me! voi turna’!!.
    Dope tante tempe che so’ state fore, da lu paese me’ luntane pe’ tante anne.
    Mo’ m’acchiappe le nustaligia che voie rivini pe’ sempre da anziane’.
    Le juorn passane lu’ tempe nn t’aspett, la vita e’ nu fulmine che vola via
    n’arrive chiu’!!.
    E’ tu RIPA me!! sti’ a loche che m’aspett e vu’ ca’ rivenghe, anche come so’ mo’ nuccune vicchiarelle!!.
    TENGHE sole le ricurde belle della passate gioventu’. Quande scurazzieve belle e ualione, spensierat pe’ le vie, e ARRET a lu’ FOSS nn ghe tante amici me.
    Mai!! mai!! m’avesse venute a la mente di irmini all’ora, via pe’ sta’ luntane da te, Ho RIPA me’!!.
    Cusci’ nn e’ state!, so’ duvute parti’.
    Mo’ che che so’ anziane, almene voie arimin, pe’ fini’ le juorne che ma rimane da’ campa’.
    Vicine a lu’ fuculare, nn ghe lu’ foche appicciat, nnghe la famia me’, a riscalla’.
    Lu’ calore de lu’ foche ma ricree, ma ricorde, quante! quante! PIZZE e FOIE ,le pulente, le spaghette alla ghitarre, Le gnucchele di patate, e le pipidigne arrustite, le savicicce le bistecche di porche ,mi faceve nonna me’ Za’ LAURETTE di TOLLO.
    Assettate fore, nghe le seggiole le femmine, pittilariene, e fatiene nnghe le ferre, pe fa’ la maie e le cavizette e nn ghe l’uncinette pe fa le cintrine.
    Quant ricurde!! quan tempo e’ passat!!.
    Fore la porte assettate le vecchiarill videvene pe’ la vie, tanta bella gioventu’, che facevano lu’ struscie sotte e sopra pe’ la RIPA e mummievene nn ghe le cummente bone e brutte.
    Nu’ bardasciune che nn ghe n’occhie avvistevame na’ iualione che ci puteve piace’.
    Quando na’ persona mureve, nu’ ualione purtevame le curone di fiure pe’ accumpagna’ lu’ morte a lu’ cimitere.
    Sopra la salite di S. STEFANE.
    Povere curune!! arrivevene tutte mezze rotte nn ghe le fiure pensolante .
    La strada nn ere asfaltate ed era luntane e faticose pe’ la salite de lu cimitere, era pulverose e ghiaiose.
    Nn ghe la macchine de lu’ morte arrete che s’aieve piene di polvere.
    Facevame le vuluntarie pe purta’ le corone appresse a lu morte.
    Dope ci paghevene ma ricord 500 lire a ciascune.
    Mo ‘so anziane!! so’ cuntent e felice, ma mi manche che trascorre lu’ tempe che ma rimane, a lu’ paese me della RIPA.
    Voie campa’ di chiu’!! pecche’ m’avvere lu sogne d’arrivini’.
    L’aria bone, lu’ magna pure, la tranquillita’ ancor di piu’. lu’ Mare e la Muntagne ,ma ricrea e mi cunsola.
    Guarde la culline nn ghe le pine avite e na chiesetta bianche , la’ ci sta lu’ cimitere di S.STEFENE, ha riccoie tante gente che nn gi stanne chiu’,
    Pace e luce eterna x l’eternita’ a loro!!.
    Nn gi’ vui pensa’!! ma la’!! ma tocche anche a me!!, pe lu’ riposo eterne.
    Spere chiu’ luntane pussibile.
    Voii da anziane ca’ ritorne, a lu’ paese me de la RIPA che tante mi sta luntane!!, se e’ pussibile.
    Pe’ risenti’ le campane della chiesa che da tante nn li so’chiu’ risentite.
    M’accumpagne la juonat scandendo le ore che passsano felice e cuntente.
    Lu sole!! e’ calle, lu’ cielo azzurre, nu’ venticelle che t’accarezze, t’aricree.
    Quante ricorde quanta gioie!!porte, lu core me pe stu’ bel paese La RIPA !!.
    Stu’ sogne che s’orivinute mi piacesse che s’avveresse pe d’avvere.!!
    Sann ANTONIO che sci’ benedette!!! fammi sta’ grazie che pozza arivini!! come tante e’lu desidere in me!!.
    Lu’ cunvente,la scalinata della Chiesa MADRE S.PIETRO e PAOLO APOSTOLI, la piazzett, lu’ Municipio, la fonte grossa, la valle, S.STEFENE, e S.ROCCO lu’ BAR DI CIPOLLA, lu bar dei giovani di PROMETEO e di VINCENZO, sono e saranno la bellezze della RIPA che porto sempre nn ghe me’.
    Che voi di chiu’?
    A te TERRA d’ABRUZZO!! e di RIPA TEATINA!! al mio CUORE, sei la Prediletta!!
    TONY da TORINO..

  41. Antonio Esposito scrive:

    Addo’ pozze incumincia’?
    Da S.ROCCO! ci sta’ la chiesa secolare, mo’ l’hanne rifatt belle, maestose e magistrale.
    Dentro e’ ancora com’era a li’ timpa’ me.
    Ci si gira tutt’attorne e si entre alla RIPA!!
    Camminen si saie pe’ la via che s’addentrendre verso lu’ centro de la RIPA.
    Passe l’ufficie Postale, che a li tempe, quando ero jualione nn gi steve .
    Li si’ na cose? Anche na’ Banca mo’ ci sta’, pe’ deposita’ le quatrine!! che prime nn li tenevame na’ prese.
    Ecche’!! hanno fatte la Farmacia tutte nove e moderne, accogliente e ben gestito nn ghe tanto assortimento di medicinali.
    Lu’ dott, FARMACISTE e’ FEDERICO.. noto de la RIPA.
    Unico che per tanti e tanti anni ha saputo ben gestire..
    Esse e’ molto gentile ,colto e se’ ti po’ cunsia’ e’ na freche disponibile e bravo davvere.
    Na’ mai spifferate a nisciune le cose private.
    Na persona molto riservato e grande lavoratore con la sua famiglia accanto.
    Lui E’ la storia x il Paese di RIPA!! Congratulazione a tanta abnegazione x la cura della salute di tutti. Sempre buoni consigli che hai dato a tutti noi paesani.
    Un GRAZIE di cuore sempre al tuo ensiasmo.
    Tenghe oggi grande amicizia come all’ora.
    Di sicuro 5 generazione ha servito, tante e tante famiglie ha conosciuto, con ognuno loro problemi.
    La cantina di Z’ADINA de le BUCCI e di Umberto. Ere sempre piene di vicchiarille che si facevene na’ partita a carte, Briscole e Scope e lu’ Tressette.
    Poi tra na’ passetelle e altre, ci s’intummenevene di vine e gazzose.
    Saienne ci steve lu’ negozio di Cachiritte!! di frutte e verdure. Mo’ s’anne ingrandite e tenghene lu’ super mercate.
    Ecco lu’ torrione costruita da tante secoli ed e’ sempre belle e maestose.
    Si ci macellevene le bestie .
    Quante Maiali accidevene pe’ fa’ dopo la purchette!!
    Che era!! ed e’ oggi molto rinomate pe’ tutte L’ABRUZZO.
    Antonio di BUCCI e’ state l’artefice di tanta delizia della PURCHETTE!! na’ freche bone!!.
    La piazzette ere sempre piene di bardiscie che tra nu’ strille e natre, iuchevene, passevene lu’ tempe dope la scole.
    N’atre Torrione de lu’ forne di MARINO dove si sfurneve tanto pane e dolci.
    Oggi e’ Monumento dei CADUTI a ricordo di martiri della guerra che hanno dato la loro vita x la PATRIA .
    S’attrverse prime de lu’ MUNICIPIE sede governative de lu’ SINDACO, Primo cittadino, de la RIPA.
    Oggi e’ il DOTT. PETRUCCI che con due mandati ha dato modernita’ e lustro al paese di RIPA .
    So’ finite!! penso che tante e tante cose ho da dire!! sulla vita del paese. Ringrazio la popolazione che in mia assenza di tanti anni hanno sempre fatto x il bene del paese ed hanno custodito le e ben tenuto la RIPA in tutta la sua bellezza.
    Grazie di cuore da un nostalgico come sono!!
    Sempre affezionato del paese, RIPA.
    Lu’ paese chiu’ fregne de lu’ Monne!!!!
    Dove si Magne bone, si beve lu’ MONTEPULCIANO della cantina SOCIALE..
    Nn ghe lu’ Mare vicine di FRANCAVILLA e le Muntagne della MAIELLE e lu GRAN SASSO..
    CHI VOIE DI CHIU? E’ ni e’ ca so’ finite!!
    TONY da TORINO…

  42. Antonio Esposito scrive:

    Oggi do’ un pensiero, alla giornata dedicata alla DONNA.
    8 Marzo, e’ il giorno che forse e’ poco x poter festeggiare la DONNA. Ogni giorno e’ la sua FESTA ,perche’ dona la sua figura di femminilita’ col sorriso della dolcezza e dell’amore. E’ la Creatura che DIO dopo aver creato ADAMO, s’accorse che all’uomo mancava una DONNA . Una COMPAGNA che sii la Dolcezza, L’Amore, la Gioia, L’Entusiasmo, la Gratificazione per l’uomo. Per essere sempre uniti nella gioia e nel dolore della vita.
    Ma l’uomo da’ una contorta interpretazione al valore della donna. La usa, la desidera, la fa’ possessiva al suo volere. La domina, la schiavizza,la rende merce di se stessa nel tempo e nei secoli.
    Essa invece e’ la creatura con il valore aggiunto del suo essere DONNA.
    Ha’ il dono grandioso della della MATERNITA’, porta nel suo grembo la vita nuova di un figlio che lo sa’ far crescere nell’amore,offre tenerezza e sorriso di madre, sa’ parlare al neonato e gli offre tutto il suo cuore di madre.
    La donna e’ vittima della sua bellezza e del suo incanto, e’ la passione delle passioni , e’ il desiderio + importante x l’uomo da raggiungere e’ la selvaggina prediletta.
    X LEI si da’ la vita, la si combatte , la si ricolma di ogni bene , di amore, di volutta’ indescrivibile,di passione. Per lei si commettono omicidi + efferati contornati da gelosie inconcepibili da stupri che sono selvaggi e disprezzanti.
    Ad essa e relegata ogni poesia, ogni canto, ogni bene, ogni sacrificio, ogni desiderio, gli si dedica.
    Siamo accecati dal desiderio ,siamo impazienti x averla , siamo tutto, e’ solo x lei,la vita dell’uomo e’ passione costante pur di averla a se’.
    Noi pur di averla, siamo cuccioli, mansueti, le promettiamo ogni bene, ricchezza, pur di possederla in tutta la sua femminilita’, che e’ fonte dell’amore.
    Ma quanto male sopporta!!, quanta malvagita’ ha avuto, ed ha! Quanta ingiustizia s’ accolla, quanta dignita’ e’ calpestata!! A Te DONNA che sei creatura Sublime del creato ti chiediamo il PERDONO DIVINO.
    Nei secoli hai sempre sopportato l’autorita’ dell’uomo, ti sei inchinata alle sue volonta’, nei secoli, porti con te’ tutto il fardello dell’umiliazione.
    Il PAPA!! GIOVANNI Paolo II, nell’anno 2000 del GIUBILEO, ha chiesto IL PERDONO Divino presso DIO,in tutto il mondo, solo x TE o DONNA!!
    Oggi 8 MARZO ti abbiamo dedicato il tuo giorno, la tua Festa, La MIMOSA e’ simbolo di un fiore nuovo , E’ il primo fiore a fiorire x la primavera che prossima ad entrare. Possa anche a te l’uomo essere + buono,+ comprensivo, + accogliente al suo cuore. Ridonarvi la vostra sublime figura, di DONNA, nella dolcezza e nell’amore. Il rispetto che meritate x tutto quello che rappresentate e donate.
    Chiedo anch’io umilmente PERDONO a DIO, x qualche lacrima che ti ho arrecato al tuo cuore, A te PINA DONNA e moglie che mi hai dato la famiglia la gioia di due figli e la continuita’ dei 40 anni trascorsi assieme nella serenita’ della nostra unione. Oggi siamo NONNI due vite nuove le Gemelline FABIANA & GIULIA , ci hanno resi NONNI e siamo felici.
    Possa DIO averci perdonato a tanti mifatti che vi abbiamo arrecati e far si’ che la sua BENEDIZIONE sii di Protezione e di dolce carezza DIVINA x Voi DONNE che popolate la terra .
    TONY da Torino

  43. Antonio Esposito scrive:

    Il 22 Marzo ricorre la festa della Madonna del SUDORE a RIPA TEATINA.
    La novena che c’accingiamo per Lei, ci sia di Protezione, di GRAZIE e di Guarigione nell’anima e nel corpo.
    HO!! VERGINE S.S.!! Tu che sei la Prescelta tra tutte le DONNE, Sei IMMACOLATA da ogni peccato, Pura nel corpo e nello Spirito, Tu che sei la Prediletta MADRE del SALVATORE CRISTO GESU’.
    A TE ricorriamo, a TE Supplichiamo Per ottenere GRAZIE e testimoniare la TUA Grandezza.
    Tu che nel martirio del TUO diletto FIGLIO hai sopportato il dolore + acuto e straziante al tuo CUORE.
    Vedere soffrire e Morire in CROCE Tuo FIGLIO GESU’ il SALVATORE, che ha dato la sua vita , x redimerci e prometterci la gloria del PADRE CELESTE DIO.
    Tu sei REGINA e MADRE dell’universo, facci figli tuoi.Vegliaci ai nostri cuori e donaci il tuo sorriso di MADRE che tanto ci AMI.
    Il quadro che ha sudato SUDORE ci testimonia, quando AMORE hai x noi.
    Ci hai dato il segno DIVINO col TUO sudore sul quadro x testimoniare a noi quanto bene ci vuoi, e quanto possiamo ricorrere a TE, x ottenere le TUE GRAZIE, e la TUA SANTA Protezione DIVINA.
    Ci ami!! come hai amato tuo figlio il Redentore, ci esorti a pregare x la nostra salvezza eterna, ci Doni il PERDONO che tanto ci necessita e ci indichi come PERDONARE i nostri nemici.
    Il tuo VOLTO sudato dal dolore che provi x noi, in questa terra, che siamo col peccato e teniamo lontano GESU’ tuo Figlio dai nostri cuori.
    Ascoltaci!! invitaci ad AMARE,x essere AMATI, ad essere non + peccatori, riempici del TUO AMORE.
    Coprici col tuo manto a protezione del maligno, Donaci la luce del tuo volto,accresci in noi La fede in CRISTO GESU’ ora e sempre .
    Ricordaci al momento del trapasso da questa vita terrena, verso l’eternità.
    RENDICI pronti nella purezza dell’anima,
    X avere la tua visione nell’eternità.
    VERGINE S.S. del SUDORE!! ORA e sempre alberga e rimani nei nostri cuori. Uniscici x non essere disuniti, legaci x non essere slegati dal tuo Infinito AMORE.
    Noi ti PREGHIAMO con Fervore e Devozione . AMEN.
    Un DEVOTO..TONY da TORINO.

  44. Antonio Esposito scrive:

    Messaggio di S.ANTONIO da PADOVA.
    13 GIUGNO giorno di devozione + sentita.
    Ho S.ANTONIO!! che sei stato prescelto da DIO, come suo SERVO Apostolico x il mondo intero.
    Tu che hai predicato le Verità del suo Vangelo. Tu che sei stato Suo Testimone della Dottrina Divina.
    Tu che hai convertito tanti eretici , Tu che hai dato tutto il tuo sapere dottrinale, verso chi ti ha accolto nel sentirti predicare, e ti ha albergato nel cuore.
    DIO ti ha dato il Suo Potere, nei miracoli x scuotere gli animi + duri alla conversione, hai dato Grandezza del Tuo DIO verso noi.
    Tu che hai scelto la vita Francescana nella povertà, hai rinunciato alle ricchezze, hai donato a DIO tutto il tuo cuore, ti sei immolato tutto x LUI.
    Sei il suo Messaggero nell’apostolato, hai messo in pratica le volontà del Signore.
    Sei il giglio tra i gigli, sei il predicatore + acceso ,hai scosso i cuori + duri, hai cacciato fuori satana dai cuori dei peccatori.
    I tuo Miracoli hanno esercitato grandezza del tuo essere.
    La Tua vita è stata tutta al servizio del SIGNORE,Sei stato in contatto diretto con GESU’, che ti accompagnava nelle ore serali in sua diretta compagnia.
    Egli ti era accanto, ci parlavi con lui,avevi il previlegio di essergli accanto,eri Amato da LUI in diretta.
    La Tua FEDE ha dato frutti in Santità.
    Sei l’interlocutore diretto con DIO,chi ti è devoto ha la certezza che tu l’ascolti.
    Fà ho SANTO ANTONIO che ti siamo devoti, apri i nostri cuori ,rendici forte nella FEDE.
    La Tua Santità ci protegga nei momenti tristi della nostra vita, facci Araldi del tuo infinito amore ,come TU lo sei stato x NOSTRO SIGNORE GESU’.
    S.ANTONIO unisci ciò che e’ disunito, nelle nostre preghiere tienici d’acconto, dona pace ai nostri cuori,rendici candidi come il giglio che rappresenti nella bellezza.
    Nella Tua Devozione ti siamo servitori ed obbedienti.
    Ascolta le nostre suppliche ed esaudiscici,donaci il Tuo AMORE.
    Con CRISTO nostro SIGNORE ,Tu che sei SANTO dei SANTI. AMEN.
    BY TONY da TORINO.

  45. Antonio Esposito scrive:

    IN RACCOGLIMENTO x IL CORPUS DOMINI.
    .03 /,07 /,2011..
    L’ADORAZIONE davanti al SANTISSIMO!!.
    Raccolto e chinato, in ginocchio, in supplica ed in ADORAZIONE.
    Davanti al tuo Tabernacolo Dove sei li’ realmente , ti chiedo e ti prego,x la Tua SANTISSIMA Presenza.
    Sei li’ presente x ascoltarmi, x dare le Tue grazie che t’imploro nel raccoglimento + intenso .
    Fà che il mio cuore ti accolga nella purezza dell’anima,esaudisci ciò che ti chiedo nella mia preghiera + fervida.
    Oh MIO SIGNORE, MIO DIO!!
    Prostrato ti Adoro, ti Ringrazio x tutto ciò che ti chiedo e che doni.
    Sei L’ETERNO, che ci vuoi figli tuoi, Sei li’ che ci ascolti e che ci aspetti con tutto il TUO AMORE ed esaudirmi..
    Tu sei il nostro rifugio, la nostra salvezza, ti AMO mio SIGNORE e MIO DIO.
    Ai tuoi piedi della croce sono peccatore e ti chiedo il TUO Perdono Divino. Dammi la forza di perdonare chi non riesco a perdonare.
    Ti ADORO oh mio SIGNORE, accresci in me la FEDE.
    Apro il mio cuore a TE, in TE c’è sicurezza, refrigerio, santità, Sei ricco di BONTA’ infinita.
    Purifica la mia anima, tienimi pronto in purezza ,all’attimo del distacco dalla vita terrena, fà che nella mia supplica non vien meno l’amore x te’.
    Voglio LODARTI,RINGRAZIARTI, e ricevere le TUE Benedizioni e le Tue grazie.
    Nella sofferenza del male, tienimi acanto a TE,fammi sentire la tua presenza sempre.
    Tu sei MAESTA’, SEI RE dei RE, SEI L’AMORE, SEI Colui,che mandato dal PADRE, ci redimi, ci riscatti dalla schiavitù del peccato.
    MIO DIO!!, MIO SIGNORE!! IN TE Confido,!! in TE metto la mia vita x sempre.
    Dona sollievo a chi soffre, GUARISCI nell’anima e nel corpo chi è nella sofferenza,facci un cuore nuovo e privo da ogni peccato ,liberaci da ogni male , Proteggici Amaci come solo TU sai AMARE sempre. LODE e GLORIA oh MIO SIGNORE..
    Grazie x tutto ciò che fai, ORA e SEMPRE. Con FEDE ferrea e Devozione al SANTISSIMO.. AMEN.
    BAY TONY da TORINO.

  46. Antonio Esposito scrive:

    La CONGHE Simbolo della REGIONE D’ABRUZZO.
    ANNO DOMINI 50/60/70..
    Port nnghe mè lù RICORDE della RIPA..
    E’ nù scummarole adò ci stateve l’acqua pè beve chiù pulite. Esse si traspurteve sopra la coccia nn ghè lù fazzulett abirrutate,a forme di circhiette e si mandeneve in equilibrio, la GONGHE sopra la coccia.
    S’ieve alla fonta gross àballe la valle vicine al lu campe spurtive, e le vecchiarelle e le giuvinette saievene le scale tutte insieme ,le purtevene a le case, candente e gioiose .
    I m’aricord bone la Conghe di Nonna mè, ZA LAURETT di TOLLO (Requem a l’anime sè ora e sempre, Che sci’ Benedette pè quante i sò vulute bene), che le teneve alla cucine ,nnghè lù mestule tutte di rame grosse e belle pè davvere, pieve l’acqua pè farcie beve a tutti nù della famiie .
    Era cà nn s’adeve spricà pe’ niente, e nè farci ie la polvere dentr esse l’ammandeve nnghè nà mappine tutte pulite.
    A chill’inne, 60/70, l’acqua pè le case era a ore stabilite dallù cumune . TRE ore la mattine dalle otto a le undici, e DUE ore la sere dalle sei alle otto. S’adeve riempi’ tutte le scummarelle che si teneve a la casa.
    Pè lù bagne, ci steve la brocca nn ghe lù vaccile e lù tragne sempre piene d’acqua,nà bagnarole di plastica grosse ovale pè farce lù bagne.
    Pè lavà le pinne si ieve alla fonta grossa ,si devene l’appuntamente e chiacchirienne e cantende ievene a lavà tutte li’ pinne.
    Belle ricorde dall’ore,mò tutte cullù frastuone allegre nnghe le sturnill che candevene, nn ci stà chiù .
    La gente si vulevene chiù bene, ci si rispetteve e ci si aiuteve nà freche.Le Famiie erene chù brave e sincere l’amicizie ere chiù sentite.
    Oggi e’ sparite tutte, s’intanano alle case e tante amicizie sanne perse, seme chiù egoiste e quasi nn si cunoscine chiù.
    L’acque era a ore stabilite , tutte le tragne e le buttie erene sempre piene pè la paure che n’avasteve.
    Nù bardasciune l’estate iaveme alla fonta grossa e ci facevame le schirze buttandoci dentro nnghe l’acque fredde e ci ricreaveme .Però l’acqua, anche se era ad ore, ne ere pecchè mancheve, lu sindac nn faceve costrui’ lu funghe dell’acqedotte. Che dope l’hanne custruite, lù probleme sà risolte.
    A cusci’ pè tante anne si ieve avante. Tante giuvinette alla fonte grosse, sanne innamorate, civettievene e nnghe l’ucchiette si facevene l’appuntamente pè scambiarsi le simpatie, e mane mane si fidanzevene. Nù bardasciune iavame a curiosà e p’aspettavà le nonne che finevene di lavà e stringne bune le panne.
    Oggi la CONGA tutte di rame nnghe lu mestolo ramate, è simbolo di terra D’ABRUZZO e’ quasi lo stemma di riconoscimento per tutto il mondo. Ai nostri nipoti portiamo questi ricordi piacevoli di usanze dall’ora con tanta nostalgia di tempi passati. Seme de la RIPA a nù vecchiarell ci piace che le nipute sono a conoscenza. Per tramandare e per non dimenticare i nostri avi che hanno lasciato questa vita terrena. Che con tanti sacrifici hanno trascorso la loro gioventù passata. Le tradizioni servono x tenere sempre vivo i ricordi di coloro che dormono al sonno eterno e vivono solo nei ricordi dei nostri cuori,la loro storia.
    BAY TONY da TORINO.

  47. Antonio Esposito scrive:

    P.S. ANNO DOMINI 40/50 /60..
    Le femmine a gnà facevene a mandinè la CONGHE sopra la coccia in equilibri camminenne? Ancore oggi mi l’addommann!!
    Tinevene le capille lunghe lunghe fino allù fondo schiene, se le pittinevene, raccuienne in treccie lunghe ben tirate. Dope si facevene l’annocche arrete alla coccia, tutte girate,e nnghe le firritt li pizzichevene e intriciate bone, da tenerle tutte unite. Si mittevene lù fazzole e dope nnghe fazzole l’abbirutevene come nu cerchie e c’ià puggevene sopra LA CONGHE. Si mittevene nù sotto viso di plastica pè nn bagnarse e ie faceve da giro collo.Nù braccie a V a luù fianche e l’atre a lù maniche della conca.A cusci’ putevene camminà con disinvoltura e candevene e parlevene con semplità senza che nà goccia dell’acque cascheve. Nà mandere allacciate alla vita tutte ricamate. Purtevene le Cochie, chi di legne e chi fatte nnghè le corde. Oggi alle foto come ricorde pare che sò a cusci’.Queste è l’embleme della terra D’ABRUZZO e della RIPA me’, che sole a lù ricordo mi viene la nustalgia e le ricurd + belle.Porgo preghiere a quanti hanno lasciato questo mondo un pensiero alla mia famiglia che non ci sono + e che li ho tanto AMATI.
    BAY TONY SEME DELLA RIPA di CHIETI e ne siamo fieri x la continuità nei ricordi ..

  48. Antonio Esposito scrive:

    La FAMIGLIA:: RIGILLO a RIPA x il suo Lavoro da MEDICO CONDOTTO.
    ANNO DOMINI 60/70/80 .
    Lù mediche condotto negli anni 60 80.
    Nn sò native in terra D’ABRUZZO, ma ha dato servizio di medico condotto x la salute dei RIPAROLI.
    Ere n’omnen severo ed a vote mitteve suggizione ai pazienti.A vote ci si ieve pe nù male di coccie, oppure pè nà febbre, o mal di dinte. Lu Mediche RIGILL ere intrasigente pè questi pazienti che ievene fore l’ore di servizie .
    Ma ricord che la suggezione che deve, ere pè le malate finte , e non pe’ le malate vere, che nè tenevene veramente bisogne. Pieve a core chi veramente steve messe male, deve tutte l’attenzione a riguarde fine a che puteve. Aiuteve in tutte le mode chi veramente aveve bisogne.
    Ie piaceve stà a lù BAR di FRANCO di CIPOLLA. A loche ci faceve le chiù belle discussione, ere nù piacere a sentirl, pè la grande cultura di allor si distingueve pè lu mode come s’esprimeve tutte in italiano corrett, nu’si parleve solo in dialett Riparole. RIGILL ere tutte di nù pezz, parlev l’italiano de lù nord ,ha avute due fiie maschie.
    Lu’ 3 di febbrie dell’anne 1965, à la case mè di SPACONE in via S.COLOMBA, ere success, che Nonnò PANTALONE, dope la cene e la festicciuola de lù compleanno di TONINO di PIROLA, suo amato nipotino , mentre s’arrizzeve dalla sedia se nà cascate dirret e saveve rotte lù femore. Tonino di Pirola aveva fatte cu lù iorne 2 anni. Ie sò corse subito ad aiutarlo pè mettele assittate, ma nn sapeve che povre NONNO ere cunciate tante male a la cosse.
    Le sò purtate a lù lette, ma li dolore ere forte forte. POVERO NONNO PANTALONE!! Deve le numere talmente forte ere lu dulure che suppurteve. Tutte la notte cà passate deve essere state nù calvario atroce, come ha fatte a suppurtà, sole esse li sà. Che scie BENEDETTE mò pè l’ore!! Puvirell!!! Mia nonna nn vuleve che io ieve a chiamà lu Medeche RIGILL, x ere a tarda ora. Lù iorno dope verso le nove, ie sò corse da lù mediche, pe die che steve male lù Nonne PANTALONE. Riggillo è venuto subito e dope che l’ha visitate, c’ia ignuriate a me e la nonna e la zia ANNA, picchè ha custatato che lù femore ere spezzate e nù nn seme ite subit a chiamarl, anche se ere tarde. L’ambulanza l’ha subito purtate a CHIETI a lu spedale S.ANNA. RIGILLO c’ià dett!! a nù che x le cavolate venite!! e x le cose serie non venite!!.Zà LAURETT ia dette che ere tarde ed ha pensate che nn sà deve scumudà a chel’ora tarde, ancor di + s’arrabbiò nà freche.
    Povero NONNO dopo 21 juone ha lasciate stù monne, x le forte dulure ,nn gi l’ha fatt.
    Oggi la Famiglia RIGILLO ed anche la moglie riposano in pace a S.STEFENE. Anche il POVERO figlio CORRADO in giovane eta’ riposa al cimitero de la RIPA.
    La Famiglia RIGGILLO è molto ricordato x la sua bravura e x il servizio di MEDICO Condotto che ha svolto a RIPA. Ha dato al paese di RIPA un ricordo piacevole e di grande responsabiltà. Porgo a conoscenza del suo operato di MEDICO CONDOTTO svolto a RIPA, con tutta la passione x curare.
    Possa il SIGNORE dare a loro il riposo ETERNO, ed aspettarli in cielo nella GLORIA CELESTE.
    Ciao, ed un GRAZIE al DOTT. RIGILLO & FAMIGLIA, x quando ha operato x il bene dei paesani di RIPA…
    A Perenne ricordo TONY da TORINO.

  49. Antonio Esposito scrive:

    S’àvesse fà l’elenche di tante famie della RIPA, n’avastess nù vulume tante spess.
    A me che sò storiche e piace ricordare tutti i momenti belli e brutti della vita paesana, e x scrivere resoconti di storie vissute a RIPA in tempo della mia gioventù trascorsa.
    Mi vè mò in mente la famiie di ROCCO DE MARCO di TACCONE nnghe la moie MALIVINE. Hann sempre vissute a la RIPA, a Via S. COLOMBA, dove tenghene la loro casa.
    Lù mutive principale di stà famiie e che hann avute 4 fie due Femmine e due Maschi.
    MAFALDA,TONINO ERPIDIO,e MIRELLA.
    MAFALDA che sin da giovane, si nà iete in AUSTRALIA a BRISBANE come emigrante x cercar fortune e farse la famie. TONINO anch’ess n’emigrante in SVIZZERA (Cantone Francese) a MONTREAUX bellissma città alle sponde di un bellissimo lago .Si racconta che MUSSOLINI andava x le sue vacanze speciali.
    TONINO è stato sfortunatissimo, pecchè a distant l’une dall’altro ,l’anne prime, la moie e dopo esse, hann lasciate,in giovane età, stù monne a MONTREAUX ove riposano in pace accanto l’un l’altro . PACE alle loro anime con la luce eterna splenda nei cuori dei loro figli . Nnghe nà malattie che semina morte certa a chi le coie.Lù (Tumore maligne). Povere a chi ci capita!! nn gi stà scampo, ti mann allù PADRE ETERNE prime de lù tempo.
    Poi ERPIDIO, nù fiie pe’ davvere sfortunate, picche e’ invalido al 100/100 sin da’ piccirill.Oggi quasi 60 anni ma incapace di camminà e nà vista quasi miope. E’ na frec sfortunate,cammine nnghe le stampelle sin da piccirill.
    Molto bravo ed educato, molto religioso, và sempre pè le SANTUARIE in ITALIA ed all’estero, A LOURDES, a FATIMA, a S. GABRIELE, a LORETO, a POMPEI tutte SANTUARI mariani, che s’affida a lei MADONNA SS. dellUMANITA’. Con la speranza di nà guarigione prodigia. Alla RIPA e’ conosciutissimo, chi li nomina lù nome a sè, sà quanta è stato sfortunate.NN stà mai chiuse alla casa ,và sempre girenne pè la RIPA a rischio sè. Di chiù và a lù bar di FRANCO di CIPOLLA e s’impustune mezze iurnate intere.
    Infine MIRELLA una giovane molto dinamica, brava, di cultura elevata.E’ insegnante alle scuole medie inferiore. Colpita anch’esse da tanta sfortuna nella vita matrimoniale.
    Lù matrimonie ha ite storte, ma tè due fie femmine che sò nà bellezze,sò brave studiose.Hanno cresciut nnghe la Nonna MALIVINE, nà femmine che ha suppurtate tante sfortune dalla vita, ma lù SIGNORE l’ha ricumpenze nnghe la salute anche se acciaccat, ma è forte ed energica.
    MIRELLA ed ERPIDIO devono tutto alla loro mamma MALIVINE, oggi 87 anni, ancora forte e tenace e nnghe la fede forte nel SIGNORE, ha cresciut sin in tenera eta’ le nipotine con l’amore e sacrifici. E’ tutte di nù pezze la Nonna MALIVINE.
    ROCCO de MARCHI in TACCONE non c’e’ più riposa in pace, ma la sua figura e’ note alla RIPA x essere stato grande lavoratore
    edile faceve bone in campagna, ieve a fà le vindemmie pè la famiie MATTIOLI che tante stimeve. Appassionato della bella vita in balli e musica ,un giocatore di carte, apprezzato a lù bar specie alla ROSCE à fà la passatell nnghe gli amici e biveve sempre la Mariselle .Ere nù Frignone, teneve la coccia dure, quando teneve ragione vingeve sempre esse, nn ge steve mode di cagnarl.
    NNghe stù ricordo ancora vivo nella mia mente di lui. Le passeggiate ARRET a lu’ FOSS, a lu Cunvente . Ere a lù circule degli anziane pe passà le iurne in amicizia ed in compagnia. Quande partite a scopa ci seme fatt alla cantine di la ROSCIE, nn ghe’esse poche le vote che perdev e si biveve gratis LA MARISELLE. Prego lù SIGNORE che l’abbia in cielo con il suo adorato ANTONIO, Riposa in PACE .
    Ad ERPIDIO un augurio di cuore x il suo modo di essere, che nella sua infermità sà essere forte e tenace, e con la fede verso DIO che l’ha voluto cosi’ lo protegga sempre e lo faccia a lungo vivere.
    A MIRELLA l’augurio che le sue adorate figlie la riempiono di gratitudine e di speciale ricompensa in vita futura.
    A TE MALIVINE, tutto il bene del mondo x il tuo presente e passato con la tua famiglia, che porto con me STIMA e simpatia in special modo x ERPIDIO .
    A RICORDO sempre di VOI in famiglia.
    TONY da TORINO…

  50. Antonio Esposito scrive:

    ISULETT di CUMPARELLE.
    Anno domini 1962 / 1965 RIPA TEATINA..
    Oggi l’anima se, è alla luce eterna,riposa in pace a S.STEFENE lu’ cimitere cà riccoie quanti hanne lasciat stù monne. Ebbè ISULETTE era nà femmine molto vispa e da giovane si dice che ere belle e spassose nnghe tanta storie che teneve e che ha passate. Abiteve davante alla casa mè vicine alla casa di EMILIO MASTROROCCHE e di PIPIZZIR di front a SPACONE in via S.COLOMBA. Sapeve cantà bone, quante serenate pè la RIPA ieve facenne da giovane.!!Ere la moie di CUMPARELLE, nù MAESTRE Di SARTORIA nnghe le fiocche!! veramente brav. Ha avute due fie maschi, ADRIANO che da giovane si nà ite in AUSTRALIA, era anche lui nù candante rinumate con poca fortuna come notorietà in ITALIA. Ed ELIGIO che è rimaste a Chieti, pinze che ha avute se ma ricorde bone otto fie.
    ISULETTE Ere di core nà freche bone, brave e gentile, anche esigente pe’l'educazione. Io m’aricord che ere tante amiche di mia NONNA LAURETT di TOLLO. Diù o tre iurne alla settimana si prisenteve di mattine a bon’ora ed addummanneve a Zà LAURETTE,se teneve da fà cacche ammasciate. La nonna ere anziane purtoppo cresceve due nipotini, LAURA e TONINO di Pirola, pecchè erene rimaste orfani della mamma EVA NICOLO’ di CRISCENZE.
    BENEDETTE l’anima sè , nà bella giovane nnghe le capille roscie e avite appene 33 anni. Lu’ SIGNORE sè l’ha chiamate a sè troppe prest.Sia fatta sempre la sua volontà.
    Splende mò pè l’ore La luce dell’anima sè, guide e prutegge sti fiie sempre. Che nella sfortuna sono cresciuti in salute nel nome di DIO, bone e bravi.ISULETTE l’aiuteve a la nonna mè, i’addummanneve!! ZA’LAURETTE chi cucine maddimane a CUMPARELL? Ie sò cotte l’annivie esse soffre di diabete, e sole le verdure può magnà. Chi ti ha fà ? pè te? e pè nù? Che ti ha coce? pè case vù le gnucchele? o li sagne e faciule?, o pizze e foie? quelle che t’aringerche. ISULETT si passeve la mane a la panze e diceve, oggi mi và sagne e faciule, va bò pè tè? la nonna ie diceve ok, quelle che vù ti faccie. Accusci’ esse se ne ieve fore faceve l’ammasciate e veneve pe l’ore di magna’. La nonna nnghe poche tempo ammasseve la farine nnghe diu ove, e ie faceve quelle che vuleve. Esse si prisenteve nnghe nù buttione di olio d’olive de lù cafone, nà freche bone, oppure nù buttione di vine roscie di MONTEPULCIANO DOK e nnghe due buttiette di gazzose .Si magneve nnghe l’appetite ,io ere bardascione e mi faceve fore tre piatti di sagne e faciule oppure di gnucchile di patate nnghe nù sughe nà freche bone.Sempre gentile e brave ISULETTE e’ state nà femmine troppe spensierate e volubile, ma bone di core . Maramè!! la fine a sè, e’ state nuccune tormentoso . Porgo a stà femmine ISULETT come ricordo dell’amicizia che si purteve all’ora quest piccolo racconto. Riposa in pace, i tuoi ricordi ci sono tutti nel mio cuore . PACE anche a CUMPARELLE noto sarto de la RIPA.
    Ad ADRIANO ed ELIGIO porgo questo mio piacevole ricordo della loro
    MAMMA ISOLETTA.
    CIAOOO ISOLETT!! Ora sei lassù anche con mia nonna LAURETT di TOLLO, Spero nella gloria di DIO. VI Voglio tanto bene a tutti quelli che mi siete stati amici e non ci siete +. Siete presenti nella continuazione della storia di RIPA, con questo mio racconto di gioventù, che ho trascorso con voi. CIAOOOOOOOOOOOOO!!!
    BAY TONY da Torino.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 33.932 spammer.