22 marzo. Madonna del Sudore

Contrada dell’Alento in fermento per l’approssimarsi della festa della Madonna del Sudore.
Festività prettamente religiosa, molto sentita nel paese ma sopratutto nella contrada dell’Alento, ove il quadro della Madonna era conservato. La storia ci racconta come a causa di un violento temporale la chiesetta, posta lungo il fiume Alento, crollò. Una mano pia raccolse il quadro e lo consegnò al parroco che la depositò presso la propria abitazione, ove il  lunedì santo la tela  sudò sangue dalla fronte della Madonna.
 Nuove iniziative sono pronte da parte della contrada.
Intanto ogni sera  le famiglie Bascelli Claudio e Salvatore Pantalone accolgono numerosi fedeli per la recita del Santo Rosario: una piccola chiesa orante che si raccoglie con devozione attorno all’icona della Madonna del Sudore.
Nella giornata di giovedì  le due compagnie si ritroveranno alle ore 8:30 presso la località "Acque Vive", scenario dell’evento che accadde il 19 settembre 1685 e che le compagnie riporteranno alla memoria attraverso una rappresentazione.
Alle 9:15 il corteo, accompagnato da personaggi a cavallo, attorniato da fanciulle in abiti tipici, partirà verso il paese e intorno alle 10:30 è previsto l’arrivo presso la piazza Martiri D’Ungheria dove avverrà la rievocazione dell’evento miracoloso del 22 marzo del 1728.
Il corteo si ritroverà per la celebrazione della Santa Messa presso la parrocchia S. Pietro Apostolo, ad essa seguirà la processione per le vie del paese.
La sera, nel corso della S. Messa, ci sarà la rievocazione storica con il racconto dell’avvenimento niracoloso.

 



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 33.932 spammer.