Poesia dialettale. Ultimo atto

Tra le poesie ammesse al recital, la giuria popolare ha scelto la poesia di Pietro Assetta, già plurivincitore in anni precedenti.
DI seguito pubblichiamo la sua poesia.

NU HABBIANE DE SOLE

A la rive de lu mare
certe vote me perde nghe la mende
pe sendì lu remore de lu selenzie,
refiate de mmensetà,
truminde ste penzire arvutechite
se corr’ appresse,
fa a rocelavascelIe nghe lu tembe,
s’alIundane pe nu ccune,
arvé chiù nganite,
se ferme scumbenate.
Nu habbiane suletarie,
bianghe hne la neve,
vole ngondr’a Il’urezzonde,
sfrandumenne lu selenzie a l’ambruvvise
e s’appose dapù nghe nu refiate de scenne
sopr’ a Il’ onne che l’annàzzeche.
Nu habbiane de sole
che sfrandume lu mure fatte de niende.
E cande dendr’ a stu core
lu selenzie
truminde se perde a l’infinite
arret’a lu tembe che già se n’à ite.
Vulesse esse chelu habbiane
pe farme annazzecà
da Il’ onna ligge de lu selenzie,
ma forse chelu selenzie,
vocia me nnascoste
che sa de ngense de Chiese,
l’artrove sulamende
dendr’a la pace de Die!

Pietro Assetta

 



Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 33.932 spammer.