Ripa chiama la Provincia

ripateatinaUn gruppo di residenti di Ripa Teatina richiama Coletti al rispetto delle promesse circa la strada provinciale Ripa-Tollo, ancora insicura

Ripa Teatina, 7 maggio 2009

Nonostante le promesse, spese dal presidente della Provincia nel corso del suo mandato, non ancora si attua nessun intervento per la messa in sicurezza della provinciale Ripa-Tollo: è questo il richiamo di un folto gruppo di residenti a Ripa Teatina, che abitano lungo la pericolosa arteria stradale, oggetto di una progettazione preliminare di lavori finalizzati alla sicurezza, mai trasformata in esecutiva.

I cittadini hanno preso carta e penna e hanno scritto al presidente, Tommaso Coletti, ed al consigliere provinciale di maggioranza, Amedeo D’Ortona (Pd), residente a Ripa Teatina per richiamare gli impegni assunti dall’ente provinciale, proprietario e gestore della strada.

«Tale arteria – spiegano nella lettera i residenti – rappresenta struttura viaria di primaria importanza, considerata la funzione cui essa assolve di collegamento del capoluogo provinciale con numerosissimi centri dell’interno (Miglianico, Tollo, Giuliano Teatino, Arielli, Crecchio, Ari, Canosa Sannita), oltre che con il casello autostradale Pescara sud – Francavilla. A tale rilevanza, dal punto di vista delle comunicazioni, non corrispondono standard di sicurezza e manutenzione adeguati: la strada si presenta sconnessa, con il manto stradale ormai vetusto per il lungo lasso di tempo intercorso dall’ultimo rifacimento e con assenza pressoché totale di segnaletica orizzontale. Assolutamente inefficiente risulta altresì il sistema di raccolta delle acque piovane: le cunette laterali sono ormai inadeguate, così come inesistenti sono i cordoli in cemento che li dovrebbero delimitare: ad ogni acquazzone in numerose zone si formano veri e propri  pantani, con notevole pericolo per la sicurezza di veicoli e pedoni. Quello della sicurezza è problema, se possibile, ancora più grave: la presenza di tratti rettilinei provoca l’incremento esponenziale della velocità delle autovetture, tanto da aver indotto il Comune di Ripa Teatina ad installare impianti semaforici dissuasori della velocità, mentre l’assenza, in larghi tratti, di marciapiedi mette in serio pericolo l’incolumità di quanti si arrischiano a percorrere a piedi la strada. Occorre altresì evidenziare che in prossimità dell’incrocio che porta verso la C.da Casale di Ripa Teatina, nonché verso il casello autostradale, vi è una fermata dell’autobus, punto di raccolta di un ampia territorio che arriva fino alla citata C.da Casale, animata, soprattutto, la mattina da decine di ragazzi che frequentano gli istituti superiori del capoluogo: tale fermata risulta priva di qualunque struttura adeguata allo scopo (spazi di sosta, pensiline ecc.), cosicché l’attesa degli autobus avviene praticamente in strada, con costanti rischi di investimento, facilmente ipotizzabili ove si valuti la velocità del traffico nella zona. Interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza paiono imminenti ormai da anni, ma allo stato non risultano decisioni definitive: agli scriventi risulta l’approvazione della sola progettazione preliminare, intervenuta da oltre un anno (deliberazione della Giunta Provinciale N. 53 del 07/02/2008) e nessuna attuazione concreta: nel tempo gli incidenti stradali, anche mortali, si sono susseguiti con frequenza assidua, mentre è aumentata l’urbanizzazione della zona. Quanto rappresentato per rimarcare l’indifferibilità di interventi, soprattutto nel tratto compreso tra l’incrocio dell’”Iconicella”( incrocio verso il casello autostradale ) e quello con la strada che porta al centro dell’abitato del Comune di Ripa Teatina, diretti, tra gli altri:

a. all’allargamento della strada, ove possibile;

b. al rifacimento del manto stradale

c. alla costruzione di marciapiedi;

d. al rifacimento del sistema di raccolta della acque piovane;

e. alla costruzione di rotatorie;

f. alla sistemazione delle fermate degli autobus».

Ufficio Stampa dell’Unione dei Comuni delle Colline Teatine

Dott. Antonello Antonelli

 

3 Responses to Ripa chiama la Provincia

  1. massimo scrive:

    complimenti avete fatto di tutto ma ci siete riusciti avete UCCISO il centro di ripa te
    spostata la farmacia chiuso il market il soccio nuovo la ferramenta spostata la parr
    ucchiera fine del orefice il tutto grazie a voi manca solo che mettete il parcheggio a
    a pagamento avete spostato la finanza di ripa altrove per favorire (non lo dico come
    disprezzo)gli albanesi come voi pero gli amici parcheggiano dove vogliono lo stesso
    sindaco in posti riservati alle macchine comunali non PRIVATE anche per intere giorn
    ate spero che non andrete avanti per il bene di noi cittadini che vi manteniamo pagan
    ndo i vostri stipendi che non meritate finisco con un ulteriore ringraziamento
    grazie

  2. Cittadino scontento scrive:

    OH finalmente qualcuno che parla apertamente di questa amministrazione. Il nostro caro Sindaco sembra un Berlusconi in miniatura… Medico, Sindaco e assessore provinciale…..almeno si spera. Ma quante cose fara’ ci domandiamo o per lo meno poche persone si domandano. Perche’ non ha il coraggio di lasciare l’ambulatorio e dedicarsi veramente al paese ormai succursale albanese. La domenica non si vede mai in piazza tranne che per il periodo elettorale. E il vice sindaco pure dove sta? Non si vede mai….. Ma sorge spontanea una domanda: Come si fa ad amare un paese se non ci si e’ nati. Viverci per amore o per interesse e’ un conto ma esserci nato e’ un altro. Comunque ognugno e’ libero di fare quello che vuole ma come dice l’amico Massimo…… voi siete stipendiati da noi cittadini e noi vi ci mandiamo li sul quel comune non per farvi diventare piu’ fichi o piu’ belli ma per lavorare per il bene della comunita’. Auguri al Sindaco per le imminenti elezioni. Grazie

  3. un'altro cittadino scontento scrive:

    Giorni fà mi sono recato in comune per regolare la retta del servizio scuola bus e con mio rammarico mi sono accorto che la cifra è variata da €18,00 a €23,00 da gennaio 2008, il tutto senza preavviso, ovviamente in modo truffaldino, perchè se avessi saputo dell’aumento avrei disdetto il servizio per i miei figli, si perchè nell’ottica d’integrazione mando i miei figli con lo scuola bus, ma a certe cifre mi costa molto di meno accompagnare e riprendere direttamente i miei figli da scuola, in cosiderazione del fatto che l’abbonamento studenti delle line Arpa-Panoramica-Gestione Governativa costano di meno, non mi sembra che il servizio comunale di scuolabus, a questi costi, sia un servizio di utilità sociale. Vorrei citare, con l’occasione, un evento accaduto l’anno scorso, leggendo il giornale mi saltò all’occhio la notizia che il sindaco e la giunta del comune di Villetta Barrea si erano defalcati il proprio stipendio per sopperire alle difficoltà di espletamento di alcuni servizi siciali rivolti ai bambini ed anziani in seguito all’abolizione dell’ici, mi sentii, difronte a tale lodevole iniziativa, di scrivere i miei complimenti al sindaco di Villetta Barrea, che lui, con disarmante umiltà, rispose rigraziando per i complimenti che secondo lui non meritava, in quanto, secondo lui era un atto dovuto di rispetto nei confronti dei propri cittadini, che non sapendo come fare per evitare i tagli ai servizi sociali per l’abolizione dell’ici, avevano deciso di tagliare le proprie indennità, gli assessori rinunciarono alla loro e il sindaco si ridusse la sua del 10%, ancora più lodevole, in considerazione del fatto che il sindaco svolge la sua attività da amministratore a tempo pieno senza presentare ricevute per rimborsi, spese di rappresentanze e missioni, apostrofando il tutto dicendo che l’unico altro modo per evitare i tagli alle loro indennità sarebbe stato quello di aumentare le imposte, le tasse o le tariffe. Ciò rende ancor più l’amaro in bocca se il nostro sindaco Mauro Petrucci nel 2005 ha dicihiarato un reddito imponibile di @103.568 risultando uno dei cittadini più ricchi di Ripa Teatina. Quindi meditate gente, queste sono le differenze tra chi amministra bene e chi lo fa male.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 33.932 spammer.