S.Stefano… ammainata la “bandiera”

Sì. Purtroppo questo sembra esse l’epilogo di una delle tradizioni più antiche a Ripa.

L’anno corrente, iniziato sotto non felici auspici, ha visto ulteriormente allungarsi le occasioni di tradizioni trascurate.

Nel corso di questi mesi abbiamo visto scorrere, in silenzio, tappe festose delle nostre tradizioni popolari, senza che alcuno si interessasse nella loro prosecu zione.

S. Mauro dell’ultima domenica di maggio, la festività della Madonna del Rosario del Foro ed in ultimo l’odierna festa del “copatrono”  Santo Stefano, hanno visto scemare ogni interesse.  Di chi il compito di sostenere le tradizioni? Senz’altro di ogni cittadino in genere, ma riteniamo che ove ciò sia reso impossibile per tante ragioni, organismi a tal fine preposti e in godimento di sostegni economici da parte delle autorità costituite dovrebbero attivarsi affinhè le tradizioni non abbiano a morire.

Siamo forse arrivati alla fine? La prossima festività della Madonna del Sudore subirà lo stesso trattamento?

Approfittiamo in questa sede di porgere gli auguri al Sig. Valente Luigi, lo “sbandieratore” non in pefette condizioni fisiche. La sua assenza ha senz’altro pesato sul mancato svolgimento dei festeggiamenti.

Alleghiamo  immagini che si riferiscono agli anni scorsi e dove il nostro Luigi mostra la sua valentia nella sbandierata.

La statua di S. Stefano

La statua di S. Stefano

Gli organizzatori dei festeggiamenti del 2008

Gli organizzatori dei festeggiamenti del 2008

Di Sipio Giuseppe, al tamburro, e Valente Luigi lo "sbandieratore"

Di Sipio Giuseppe, al tamburro, e Valente Luigi lo "sbandieratore"

fil537911

fil53830

fil53831

fil538021

fil538031

fil538041

fil538051

fil538061

fil53807

fil538081

fil538091

fil538101

fil538111

fil53812

fil538131

fil53814

fil538151

fil53816

fil53817

fil53818

fil538132

fil538141

fil538152

fil538171

fil538181

fil538191

fil53820

fil53821

fil53822

fil53823

fil53824

fil53828

fil538301

fil538311

fil53832

fil53833

fil53835

fil538391

Iscrizione su pietra sulla porta della chiesa dedicata al Santo

Iscrizione su pietra sulla porta della chiesa dedicata al Santo

 

5 Responses to S.Stefano… ammainata la “bandiera”

  1. Alessio Moretti scrive:

    A nome del circolo di Rifondazione Comunista “K.H.Marx” di Ripa Teatina, mi preme sottolineare alcuni punti oscuri, che forse in molti non sanno ma che non si possono più tacere. Quella della mancanza di alcuna manifestazione di ricorrenza della festa di S.Stefano, per noi è solo una delle ultime gocce che fanno trabboccare il vaso, di questa attuale amministrazione comunale e in primis della sua maggioranza. Negli ultimi due consigli comunali, abbiamo visto e sentito delle cose che probabilmente, neanche il peggior nemico della democrazia, avrebbe fatto e detto. Sono tre i punti all’ordine del giorno, che noi riteniamo scandalosi; 1. ASILO NIDO, dato in gestione alle operatrici gia in servizio, con la locazione data a titolo gratuito. Bene, questo è il primo comune in Italia che non bandisce un avviso pubblico per formare una graduatoria dal quale attingere la società o ditta o cooperativa che vincendo la gara avrebbe il diritto della gestione. Si danno in comodato d’uso gratuito i locali dell’asilo nido, cosa inaudita perchè un canone di locazione è sempre previsto e molto probabilmente, alle prime difficoltà economiche, queste operatrici, alla prima esperienza in situazioni di questo genere, certamente ricorreranno all’aiuto del comune, per arrivare a fine mese. Siamo certi che tale decisione sia stata presa per aiutare qualche familiare o conoscente, operante in tale asilo nido, come al solito, a danno di altre persone, che probabilmente, se interpellate, avrebbero risposto in maniera positiva, garantendo quella continuità di gestione, che ad oggi, con questa scelta, vediamo molto assottigliata. 2. CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI, questo è il comunicato che abbiamo diramato in paese e affisso nella bacheca del circolo a visione della intera cittadinanza;
    L’amministrazione comunale di Ripa Teatina, a mezzo consiglio comunale, propone, con immediata esecutività, di creare una CONSULTA delle ASSOCIAZIONI presenti in comune e affidarne la GESTIONE di COORDINAMENTO alla Pro-Loco locale. Noi siamo ASSOLUTAMENTE contrari a questa soluzione per i seguenti motivi:
    · Fare una consulta delle associazioni, fa si, che lo spirito di competizione tra le varie associazioni viene meno, cosi come vengono meno, l’inventiva e le caratteristiche diverse di ogni associazione.
    · Fare una consulta delle associazioni, significa che quelle associazioni che non aderirebbero a tale consulta, sarebbero certamente penalizzate, nelle loro iniziative e probabilmente anche nelle richieste di finanziamento.
    · Perché mettere in mano alla Pro-Loco il coordinamento di tale consulta se gia esiste un assessorato alla cultura al comune di Ripa Teatina con tanto di assessore, delegato per queste funzioni?
    · Infine, perché creare spaccature profonde tra le varie associazioni del paese invece di creare una collaborazione tra di esse, senza per questo riunirle per forza sotto una consulta, supervisionate dalla Pro-Loco?
    Invitiamo per tale motivo tutte le associazioni, CONTRARIE a tale progetto, a manifestare il loro dissenzo, direttamente all’assessorato alla cultura del comune di Ripa Teatina, rivendicando la propria indipendenza.
    3. CONCESSIONE AD UN PRIVATO, TRAMITE STRAVOLGIMENTO DEL PRG di UNA PORZIONE DI TERRENO VINCOLATO, questa è la chicca finale del consiglio comunale del 16 luglio 2009 a cui fortunatamente il gruppo di minoranza, di cui non facciamo parte, esprimeva la sua assoluta contrarietà. Anche in questo caso, il nostro circolo, forniva la possibilità alla cittadinanza di Ripa Teatina, di sapere cosa era successo in questo consiglio con tale comunicato, affisso in bacheca;
    CITTADINI DI RIPA TEATINA
    NOI TROVIAMO ASSOLUTAMENTE VERGOGNOSA E INTOLLERABILE LA SCANDALOSA DELIBERA COMUNALE, VOTATA CON IMMEDIATA ESECUTIVITA’, IL 16 LUGLIO 2009, CON LA QUALE SI STRAVOLGE IL PIANO REGOLATORE DEL PAESE PER FAVORIRE UN PRIVATO CITTADINO AI DANNI DI UNA INTERA’ COMUNITA’.
    E’ ORA DI DIRE BASTA CON QUESTE SCELTE SCELLERATE E IRRIGUARDOSE DEL RISPETTO DELLA CITTADINANZA CHE DA QUESTA AMMINISTRAZIONE NEGLI ULTIMI TEMPI, VIENE CONTINUAMENTE SBEFFEGGIATA.

    STANNO CEMENTIFICANDO TUTTI GLI SPAZI VERDI DEL PAESE, INIZIANDO DAL CONVENTO FINO AD ARRIVARE AL CASALE DOVE, QUELLO CHE DOVEVA ESSERE LO SPAZIO DESTINATO ALLA CREAZIONE DI UNA GRANDE PIAZZA PUBBLICA, VERRA’ DESTINATO, ATTRAVERSO GIOCHI DI MAGIA, AD UN PRIVATO CITTADINO CHE CI COMPLETERA’ LA SUA COSTRUZIONE PERSONALE. TUTTO QUESTO E’ SEMPLICEMENTE:
    SCANDALOSO
    CIRCOLO P.R.C. “KARL H. MARX” RIPA TEATINA

    Facciamo notare inoltre che il nostro circolo all’indomani dell’elezione del sindaco Petrucci come consigliere provinciale prima e assessore provinciale dopo, porgeva con comunicato scritto, affisso in bacheca, i propri auguri al neo eletto, senza peò ricevere neanche un grazie da quest’ultimo, che ancora una volta snobbava i suoi cittadini con un atto di superbia tipica di chi si trova in quella parte politica nazionale, votata all’arroganza e alla prepotenza.

    A questo proposito, ringrazio tutti gli elettori che mi hanno dato la loro fiducia alle ultime elezioni provinciali, dove sono arrivato a 101 voti a Ripa Teatina e a 189 totali in tutto il collegio 19. Un grandissimo risultato per me e per tutto il circolo. La nostra politica e il nostro modo di fare, è diverso dal loro e quello che ci fà piacere è informare la popolazione di Ripa Teatina su quello che succede a livello di amministrazione e sul modo arrogante con cui vengono prese le decisioni da questa maggioranza autoritaria.

    Il segretario del circolo, P.R.C. “K.H.Marx” Ripa Teatina, Alessio Moretti, il Direttivo, Gli iscritti e i simpatizzanti.
    Un sentito ringraziamento a Elio Masci che co mette a disposizione questo spazio.
    Saluti, Alessio Moretti

  2. Alessio Moretti scrive:

    E.C. traboccare e non trabboccare.

  3. Gianluca Visco scrive:

    In data 25 maggio 2008 pubblicasti l’articolo “San Mauro …out …” dove avidenziasti le prime avvisaglie di uno scarso interesse alla partecipazione delle festività religiose dovuta alla mancata costituzione del comitato festa, per cui, la festa di San Mauro assunse solo l’aspetto religioso. In quell’occasione diedi forza alla tua opinione tanto da suscitare un polverone incredibile. Alla luce di ciò ti affermo che scrivere ancora per questo argomento mi costa tanto, ma mi sembra doveroso, a distanza di un anno, il diritto di replica, che quanto fu ipotizzato allora si è concretizzato, infatti, le festività di quest’anno hanno assunto solo l’aspetto religioso con scarsa partecipazione ed interesse addirittura per il Santo Patrono, comitati non se ne sono costituiti e gli enti preposti sono stati assenti, a buon intenditore poche parole.

  4. Elio Masci scrive:

    La redazione rispetta tutte le idee ed in questa ottica mette a disposizione di tutti questo “forum”. Attualmente è legato a singoli argomemti, ma stiamo lavorando per aprire uin “forum” a tutto campo dove ognuno può esprimere giudizi, valutazioni, “critiche”, dare suggerimenti ed altro. Il tutto ovviamente nel rispetto della persona; senza offese o turpiloquio. La redazione si riserva in ogni momento di bloccare ( con preavviso all’interessato) testi offensivi.
    LA REDAZIONE

  5. Purtroppo non so cosa sta succedente a Ripa,io risiedo all’estero
    da quasi cinquantanni,pero il mio viaggetto in italia lo fatto quasi
    ogni anno,ogni anno ho prenotato il viaggio per potermi trovare a Ripa
    per una festa di ricorrenza in paese come(S.Stefano)(S.Mauro)(madonna
    Del Sudore)mi riportava un po indietro con i tempi della mia infanzia,
    le bancarelle,l’odore delle noccioline americane che si tostavano per
    strada,le bellissime processione ecc.ecc.Ora veniamo a noi gli ultimi
    anni e stata una grande delusione perche’ ritornai in italia pero’ la
    festa erano cancellate ci saranno solo festivita’ religiose’ no orchestra
    no bande no spari.
    Faccio un appello a tutti i ripesi di Ripa cercate di riportare il nostro
    paese alle vecchie tradizioni,che erano bellissimi,e con un po di buona
    volonta’ si puo fare tutto.
    Un abbraccio a tutti(LI RIPARIULI DI LA RIPA)Umberto da Philadelphia.




Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Lascia questi due campi così come sono:

Protetto da Invisible Defender. E' stato mostrato un 403 ai 33.932 spammer.