Domenica festa a Tiboni

immacolata_2009-copia Continua l’impegno da parte del comitato feste per la realizzazione di una manifestazione che accontenti i concittadini.

Si sono appena conclusi i festeggiamenti in onore di Maria SS.ma del Sudore che già è all’orizzonte per domenica prossima , 11 ottobre,  la festività della “Immacolata Concezione”. Occasione che richiama sempre una folta presenza di pubblico e che vede impegnato, nei preparativi, un comitato della zona mnolto ben collaudato e che ha sempre riportato lusinghieri apprezzamenti per i risultati.

“Brass & Brass” il programma in America

manifesto-brass-e-brass

Dal prossimo 2 ottobre e fino all’11 si celebrerà  in America la festa del “Columbus day” (il giorno di Colombo) per commemorare il giorno dell’arrivo di Cristodforo Colombo nel nuovo mondo il 12 ottobre 1492.

Gli Americani di origine italiana sentono il Giorno di Colombo come una celebrazione che ricorda le loro doppie radici Italo-Americana. Questa festa è stata proposta come festa nazionale negli Stati uniti da quando Il Giorno di Colombo è stato celebrato per la prima volta da italiani a San Francisco nel 1869, seguendo le celebrazioni italiane di New York. Il primo stato a riconoscere ufficialmente la ricorrenza fu il Colorado nel 1905 e nel 1937, su impulso dei Knights of Columbus (un’associazione cattolica che aveva adottato il nome del grande viaggiatore), il presidente Franklin Delano Roosevelt stabilì che il Giorno di Colombo diventasse festa nazionale in tutti gli Stati Uniti.

A Chiara MASCI l’happening di poesia

Chiara Masci, dopo la premiazione.

Come ben ricordate, quest’anno l’Amministrazione Comunale insieme con la Pro Loco e la Consulta Giovanile, hanno inserito nell’ambito della  XXXII edizione della poesia dialettale, un happening di poesia aperta a tutti.

Era possibile iscriversi, presentando un proprio lavoro paoetico in dialetto od anche in lingua, e partecipare a questa iniziativa.

Tra i vari lavori (veramente tanti hanno presentato lavori meritevoli di attenzione …) iscritti alla manifestazione, è risultata premiata la nostra Chiara, con un elaborato dedicato alla mamma. Molti ci hanno riferito di qualche “lacrima” versata. A tanta sensibilità  non potevano non rispondere con la pubblicazione dell’elaborato.

Ecco la poesia:

I carri per il paese. Settembrata Ripese – Immagini della festa

mansudore091

Oggi, sabato, è stata riproposta la “settembrata ripese” di vecchia memoria.

Organizzata dalla Pro Loco e  Consulta dei giovani,  abbiamo visto diversi carri, addobbati a festa, sfilare per le vie del paese. La manifestazione si inserisce nell’ambito dei festeggiamenti in onore di Maria SS.ma del Sudore, nostra patrona, che si terranno nei giorni di sabato, domenica e lunedì.  Grande sforzo da parte degli organizzatori per mettere su una manifestazione da tutti aspettata.

Rinvio a giudizio di sette medici (due di Ripa)

Dalla stampa locale riprendiamo l’articolo sotto riportato e che interessano due medici operanti nel nostro paese ed un’altro da qualche anno trasferitosi nella vicina Castelferrato.

“Su  otto medici di Chieti e del circondario e su un rappresentante di medicinali pende la richiesta di rinvio a giudizio per comparaggio, inoltrata dal sostituto procuratore Dell’Orso.

L’accusa è di aver compiuto nel 2007 un viaggio a Palma de Mallorca, in Spagna, su invito di una casa farmaceutica che produce alcuni farmaci molto prescritti da questi medici (un aerosol per gli asmatici ed un probiotico, cioè fermenti lattici).
Ed il viaggio, organizzato da un’agenzia di Roma, non era collegato ad alcun motivo scientifico, tipo convegno su un argomento di problemi degli asmatici o di gastroenterologia.
Il che non è ammesso né dal codice del farmaco né da quello dei medici né dalle ultime, recenti disposizioni proprio sui “regali” ai medici da parte delle case farmaceutiche. Stavolta, infatti, la Italchimici di Pomezia (ma sembra accertato che altri viaggi sono stati organizzati anche negli anni precedenti e nel 2008) ha stressato gli 8 medici in questione attraverso le insistenze del suo informatore scientifico che controllava in farmacia le prescrizioni dei medici, sia per i farmaci a pagamento sia per quelli passati dalla mutua sia per le confezioni in fascia C, come il probiotico.
La richiesta di processo è stata avanzata per Vincenzo Restuccia (rappresentante dei farmaci), Lorenzo Marini, Anna Grazia Capuzzi, Francesco Lando, Piero Simone, Mauro Petrucci, Raffaele Quadrini, Anna Maria Tonello e Giuliano Salvio.
Dunque l’ipotesi di reato contestata è una specie di corruzione, come prevista dagli articoli del Codice della sanità e come riportato nell’articolo 147 del Decreto legislativo 219 del 2006.
In pratica il viaggio non ci può stare se la Casa farmaceutica non chiede l’autorizzazione al Ministero e non comunica il Convegno che sta organizzando, a Palma de Mallorca o altrove, chiedendo anche l’attribuzione degli Ecm, cioè i crediti per la formazione continua dei medici.
E in questo caso non c’era convegno e non c’erano Ecm, insomma non era stata presentata nessuna domanda di autorizzazione.
Il viaggio viene dunque visto dal codice penale come una vera e propria utilità al pari del denaro che vizia la genuinità dell’operatore sanitario che per questo preferisce prescrivere quel determinato farmaco e non un altro.
Ma la contestazione di eventuali reati (sarà il Gip ad accogliere o respingere il rinvio a giudizio) è scattata perché le indagini hanno accertato – su dati elaborati dal sistema di controllo dei farmaci – che il 40% di tutti i farmaci sotto osservazione sono stati prescritti proprio da questi medici.
«No, non sussiste nessun reato – ha commentato Mauro Petrucci, che è anche sindaco di Ripa Teatina e assessore alla Provincia di Chieti e che abbiamo sentito sulla vicenda – io ho ricevuto un invito per la presentazione di un probiotico di fascia C, cioè a pagamento, quindi eventualmente non ci sono danni per la Asl. Non mi posso far carico dei problemi amministrativi della casa farmaceutica che mi ha invitato. E poi ho dimostrato che nei due o tre anni sotto inchiesta ho prescritto solo 50 pezzi. So per certo che sono stati sentiti anche altri medici, oltre questi 8, sia dalla Finanza che dai Carabinieri, ma stranamente solo per alcuni è scatta la richiesta di rinvio a giudizio. Con il mio avvocato sto valutando l’ipotesi di una denuncia per danni contro chi mi ha messo in questa storia. Comunque vi farò avere tutta la documentazione che chiarisce la mia posizione».

Sebastiano Calella 22/09/2009