In arrivo il Natale

natale 2013 022

Sono in corso, in questi giorni, i preparativi per gli addobbi natalizi da parte dell’Amministrazione Comunale.

Vediamo i dipendenti dell’amministrazione che addobbano con le luci il pino all’ingresso del paese e l’ormai nota coppia dei fratelli  Dionino e Antonio Quintili, ad arricchire l’area sotto il palazzo municipale con il classico presepe, riproducente aspetti di vita quotidiana con scene in movimento.

” Le campagnole”

LE CAMPAGNOLE

 

Versi di Antonio Monaco                  musica di Angelo De Virgiliis

 

Se ve’ per le’ campagne

ammonte a li culline,

o ncime a le muntagne

o mezze a li giardine,

tu vide ogni bellezze

de gente campagnole,

tu priuve  ‘na dulcezze

che l’aneme cunsole!

…la neve!!!…

neve 2014 003

Tanto desiderata dai piccini quanto osteggiata da chi si reca al lavoro, è arrivata la neve.

Questa sera è iniziata a nevicare con una certa insistenza e le previsioni meteo segnalano la persistenza  di queste condizioni meteo anche per la giornata di domani.

L’aria natalizia si era già avvertita nei giorni scorsi quando gli zampognari hanno fatto la comparsa per le vie del nostro paese per la gioia di tanti bambini e riportando la memoria degli adulti ai tempi andati.

neve 2014 001 neve 2014 004

“Lu sacreficie de mamme”

LU SACREFICIE DE MAMME

Versi di Antonio Monaco                                      Musica di Tommaso Ciampella

 

Chiamate,  pe’ la guerra so partite,

‘na lagreme da st’ucchie ne nci ha scite!

E mamme mille vote so vasciate

E sole sole po’ le so’ landate.

‘Na notte, mentre slave de vedette

‘na palle m’ha venute a fernì mbette.

Tutte lu sangue me’ nterre scorreve

tignenne rosce che la bianca neve!..

Ne m’attenè’ cchiù ritte e so svenjute

E alloche so’ cascate senz’ajute

 

La “poesia” a Ripa

Iniziamo a pubblicare vecchie poesie “cantate” dai nostri avi negli anni ’45-’46. Molte di queste poesie sono state musicate. Cercheremo di pubblicare anche la parte musicale.

LE SUPRANNUME DE LA RIPE

Versi di Monaco Antonio                            Musica di De Virgiliis Angelo

 

Ne vàle a stù pajese lu cognome

Se tiù vi ‘ecche e vu’ truvà la gente

Ta di’ nfurmà qual ‘è lusoprannome

Se ne vu’ perde tèmpe inutilmente.

Lu Sinniche de mo è Zeccarole;

Se vede giuvenette belle e fine

Se mòcceche le labbre e se cunzole.

Mo’ ve presente pure CUPPULINE,

Ciamerle, Lu Terregne, Zi’ Piscione,

Pizzute, Lu Cignotte nghe Curdone.