Iniziati i festeggiamenti

Tante iniziative hanno animato la via principale del paese, nella serata odierna, in occasione delle festività della Madonna del Sudore.
Dopo aver ascoltato la declamazione delle poesie dialettali presso la sala polivalente del Comune, la gente si è riversata per le vie del paese, gustando le altre iniziative messe in atto dal Comune tramite la consulta giovanile.
Sotto i portici dello stesso Palazzo Comunale, un gruppo di giovani artisti,
provenienti dalla scuola musicale "setticlavio" di Ripa, hanno deliziato i presenti con virtuosismi musicali sulle note di Bach ed altri autori.
A seguire lungo l’itinerario stradale un "complesso" formato da giovani del nostro paese hanno offerto saggi di musica attuale, senz’altro più rumorosa, ma più vicina ai giovani di oggi.
Avviandosi verso l’ex Convento, ci siamo imbattuti in "Mary Poppins" che ha richiamato l’attenzione dei bambini con giochi e balletti, alternandosi con l’acrobata che su un lungo tappeto rosso piroettava dando vita a figure altamente spettacolari coinvolgendo con lunghi applausi quanti erano presenti. Ed erano veramente tanti.
A chiusura della serata esibizione di un complesso per la "cover" di Vasco Rossi, sul sagrato della Chiesa del Convento.

Poesia dialettale. Ultimo atto

Tra le poesie ammesse al recital, la giuria popolare ha scelto la poesia di Pietro Assetta, già plurivincitore in anni precedenti.
DI seguito pubblichiamo la sua poesia.

NU HABBIANE DE SOLE

A la rive de lu mare
certe vote me perde nghe la mende
pe sendì lu remore de lu selenzie,
refiate de mmensetà,
truminde ste penzire arvutechite
se corr’ appresse,
fa a rocelavascelIe nghe lu tembe,
s’alIundane pe nu ccune,
arvé chiù nganite,
se ferme scumbenate.
Nu habbiane suletarie,
bianghe hne la neve,
vole ngondr’a Il’urezzonde,
sfrandumenne lu selenzie a l’ambruvvise
e s’appose dapù nghe nu refiate de scenne
sopr’ a Il’ onne che l’annàzzeche.
Nu habbiane de sole
che sfrandume lu mure fatte de niende.
E cande dendr’ a stu core
lu selenzie
truminde se perde a l’infinite
arret’a lu tembe che già se n’à ite.
Vulesse esse chelu habbiane
pe farme annazzecà
da Il’ onna ligge de lu selenzie,
ma forse chelu selenzie,
vocia me nnascoste
che sa de ngense de Chiese,
l’artrove sulamende
dendr’a la pace de Die!

Pietro Assetta

Forza Ripa! Provaci ancora!

Duro impegno casalingo per la nostra squadra che domani, domenica, dovrà  vedersela con l’Atessa, prima in classifica.
Provaci! .. e ci riuscirai!.

2^ e 3^ classificate

Poesia seconda classificata

SE CI ARPÈNZE…

S’arpènze a tutte st’anne c’à passàte…
nu file sbirrutàte a ‘na matàsse
che scìvule da ‘m monte a ‘na scarpàte,
fine a ‘rmanèrce sòle nu pizzètte

addò st’ùtteme fiàte stà ‘ttaccàte.
Huardènne ‘ncìme arpènze a quanta frette…
Madonna mì, che stùpede sò state!
Quanta ne vò viste a passà di primavere

e i, cicàte, che pinzève a corre,
senza sintì l’addòre che tenève,
perze dentre a la frette di ‘na morre
sempre a jjttà vilène!

S’arpènze pure atte, ‘mmezze a st’affànne…
Picchè la mente, sòle mò và arrète!?!
Nu nòde forte, forte, strìgne ‘ngànne
e dòce avànte all’ùcchie mi t’arvède…

Ssà voce cà mi chiàme, mò m’amànche!
L’avèsse dette allòre stì parole…
cchiù forte e amàre si fà mò lu piante
e lu dulòre m’ammànte lu còre.

Sò stanche d’armanè ‘ngòre attaccàte
a stù ccùne di vita sfilacciàte,
lu mìjje tembe ormàjje li sò spricàte…

Mendre lu file stùcche e càle abbàlle,
famme sintì lu dòce di ssù cante
e arràpeme ssì scenne Angele Sante!

Maria Lucilla Oliva

Poesia terza classificata

LA CASA MÈ

‘Sta casa ha duvintate nu deserte,
n’si sente cchiù li voce a tutte l’ore,
nen vede ‘ntorne nu cassette aperte
e n’terre panne spuorche di sidore.

Ormai sta’ sempre tutte arizzelate,
‘na cose scingilate nen si trove
e i’ ci passe tutte li juornate
mentre aspette, n’silenzie, l’alba nove.

Dentre a ‘sta cocce tinghe nu turmente,
che nen si ne va’ cchiù da sette-otte anne:
che lu ricorde, fresche di suIjente,
m’arrive ‘mpette mo’, gne ‘na cundanne.

Quanta parole, rajje e cuntendezze,
speranze di dumane, li casti elle,
nche la fatije, amre e la trsitezze,
tra tante puhesije e cacche strille!

La sere, a gne lu sole ha tramuntate,
camine pe’ ‘sta case senza cante,
riguarde Rose tutte rassegnate,
nche l’uocchie sempre ‘mbusse pe ‘ lu piante

e sente dentre a mme ‘na nustalgije:
la case arivulesse accome allore,
quande la vite, ‘nzimbre a li ddu’ fijje,
ere sole ‘na ggioje pe’ ‘sti core!

Luciano Flamminio

TUTTO SULLA XXX EDIZIONE DELLA POESIA DIALETTALE

Riportiamo di seguito le fasi che hanno permesso di proclamare il vincitore della XXX edizione della poesia dialettale di Ripa Teatina.

Partendo dal saluto del Sindaco a quanti hanno partecipato al concorso.

_____________

Saluto del Sindaco

Con il traguardo delle trenta edizioni, il nostro premio di poesia dialettale, nato da una felice intuizione di appassionati dell’idioma abruz¬zese e sostenuto da amministratori capaci di vedere la potenzialità di una tale manifestazione, raggiunge l’Olimpo degli eventi letterari più longevi e più rappresentativi del panorama culturale abruzzese.
In trent’anni tanti autori, giovani, laureati o autodidatti, hanno composto liriche in vernacolo per partecipare al concorso di Ripa Teatina ed hanno affidato alle varie giurie che si sono succedute, le emozioni, le speranze, le aspirazioni racchiuse in poche decine di versi. Questa è la magia del concorso di poesia dialettale: la semplicità, la schiettezza, il desiderio di partecipazione che rendono l’appuntamento di Ripa Teatina irrinunciabile per molti amici della nostra regione che amano il dialetto abruzzese e che desiderano confrontarsi in un’arena sempre educata e calorosa.
La raccolta di tutte le liriche pervenute in questi anni, merito e vanto dell’organizzazione, può rappresentare davvero uno spaccato di vita e di letteratura, che è un frammento della grande passione tutta italiana per la poesia e per la cultura. Noi, popoli di santi, poeti e navigatori, esprimiamo in versi il meglio di noi stessi e il sentimento profondo del nostro essere è racchiuso anche nella cristallina e nitida parola vernacolare: è la lingua dei nostri padri, dei nostri avi e noi desideriamo preservarla per affermare la nostra identità e la nostra essenza più intima.

Mauro Petrucci Sindaco di Ripa Teatina

_________________
Saluto dell’Assessore Comunale alla Cultura

Parlare di poesia in un mondo che ci ha insegnato a pensare alle cose “concrete” non è certo facile, ma la nostra realtà, quanto più si è lasciata contagiare dall’aridità delle cifre, tanto più ha bisogno di evasione e di felicità, termini che naturalmente si accostano alla parola “poesia” .
Poesia è respiro dell’anima, sosta rinfrancante nel duro cammino della vita, momento tutto privato che può diventare tutto collettivo, se essa viene donata al pubblico dei lettori e dei fruitori. Poesia dialettale è poesia collettiva, perché non può essere compresa appieno se non facendo riferimento ai valori e alle consuetudini di un gruppo, di una società, di una porzione di territorio che è legato fortemente all’espressione delle sue più genuine realtà. Ripa Teatina da trent’anni porta avanti questo impegno che è ricomprensione e riaccquisizione del proprio patrimonio di valori, del proprio essere: un compito che un ente pubblico territoriale come il Comune non può trascurare, pur avendo l’occhio alle urgenze impellenti del paese.
Festeggiare la trentesima edizione del premio di poesia dialettale è quindi per tutti un grande orgoglio ed una grande soddisfazione, quella di aver contribuito a perpetuare la memoria, storica ed etica, del nostro Abruzzo.

Roberto Luciani Assessore Comunale
_______________

Saluto del Presidente della Pro-Loco

Sono particolarmente contento di poter salutare la trentesima edizione del premio di poesia dialettale, soprattutto perché questa ricorrenza mi fa sentire forte la sensazione di portare avanti con orgoglio e dedizione il lavoro e le idealità che altri prima di me e prima dell’attuale direttivo della Pro-Loco hanno espresso e proseguito, convinti di farsi portavoce del profondo desiderio di tutti i ripesi di vedere tutelato ed esaltato !’idioma dei propri avi.
Il dialetto abruzzese non è classificato dai linguisti come una vera e propria “lingua”, come il sardo, ma esso, nella sua storia, rappresenta, al pari degli altri vernacoli italiani e non, l’anima profonda della nostra regione.
Ripa Teatina è lieta quindi di accogliere i versi dialettali di autori che vogliono rimanere ancorati alla nostra tradizione, non rinunciando a vivere nel proprio tempo.

Kristian Toppa Presidente Pro-Loco Ripa Teatina

__________________

Verbale della Giuria – Prima seduta

Il giorno 4 settembre 2007, alle ore 10.00, nell’ufficio del Sindaco presso il municipio di Ripa Teatina, si riunisce la Giuria del XXX Concorso di Poesia Dialettale abruzzese, promosso dal Comune di Ripa Teatina e dalla Pro-Loco e patrocinato dalla Regione Abruzzo – Agenzia per la Promozione Culturale (Chieti), nell’ambito della XXXII Settembrata ripese.
La Giuria nominata dall’Amministrazione Comunale di Ripa Teatina e dalla Pro-Loco, è composta dai seguenti membri: Pia Cavarocchi Pennetta, Loredana Di Martino, Concetta Giansalvo, Umberto Russo. Sono presenti alla seduta: l’Assessore alla Cultura Roberto Luciani, il delegato della Pro-Loco Marco Ricciuti, presiede la seduta la Signora Emiliana Monaco, responsabile dei Servizi Sociali e Scolastici del Comune di Ripa Teatina (coadiuvata dai ragazzi del Servizio Civile: D’Intìno Danilo, Marinucci Manuela, Orlando Marta, Pizzica Marta, Tornincasa Silvia).
La presente Giuria è unicamente preposta alla presa d’atto dei plichi pervenuti entro i termini prescritti, all’apertura delle buste e alla numerazione delle opere inviate.
Risultano pervenuti, tutti entro il 31 Agosto 2007, n. 37 plichi. Si procede alla apertura delle buste e a ciascun componimento viene assegnato un numero d’ordine che viene successivamente ripetuto sulla busta chiusa contenente le generalità dell’autore.
Di ciascuna poesia viene distribuita copia ai membri della Giuria per permettere ad ognuno di procedere ad una meditata lettura personale. Si concorda che la prossima riunione, durante la quale verrà preliminarmente designato il Presidente della Giuria nonché stabiliti, quelli che dovranno essere i criteri cui attenersi per la scelta tra le poesie in gara, si terrà il giorno 17 settembre 2007, alle ore 20.30, nella stessa sede.

IL VERBALIZZANTE
Dott.ssa Manuela Marinucci

Verbale della Giuria – Seconda seduta

Il giorno 17 settembre 2007, alle ore 20.30, nell’ufficio del Sindaco del Comune di Ripa Teatina, si riunisce la Giuria del XXX Concorso di Poesia Dialettale abruzzese, bandito dal Comune di Ripa Teatina e dalla Pro-Loco, e patrocinato dalla Regione Abruzzo – Agenzia per la Promozione Culturale (Chieti), nell’ambito della XXXII Settembrata ripese.
Sono presenti i componenti della Giuria: Prof.ssa Loredana Di Martino, Dir.ce Sig.ra M. Pia Pennetta, Prof.ssa Concetta Giansalvo e il Prof. Umberto Russo.
Sono, inoltre, presenti l’Assessore alla Cultura Roberto Luciani, il Presidente della Pro-Loco Dott. Kristian Toppa, la volontaria del servizio civile Manuela Marinucci (delegata dalla dirigente E. Monaco del Comune di Ripa Teatina).
Viene eletto Presidente della Giuria il Prof. Umberto Russo è nominata segretaria verbalizzatrice Manuela Marinucci.
I componenti esprimono un giudizio complessivamente positivo riguardo i 37 testi pervenuti, considerati di livello soddisfacente nei contenuti, nella forma, e nel dettato metrico-ritmico.
Sono escluse dalla valutazione, poiché presentate ad altri concorsi e, quindi, non attinenti all’articolo 1 del Regolamento, due poesie:
N° 13 – BANCO ALIMENTARE ABRUZZO
N° 21 – ALMENE TU

Dopo aver assegnato un voto in trentesimi, dal corpus dei testi vengono scelte nove poesie destinate al recital (come previsto dall’art. 2 punto b del Regolamento):
N° 1 – NU PENZIERE PE’ TE
N° 3 – SURRISE DI CITILANZE
N° 8 – VULESSE
N° 9 – MARE A LU RISVEJE
N° 22 – L’ABRUZZE ME’
N° 24 – LIGGIERE GNE LU VENTE
N° 26 – NU HABBIANE DE SOLE
N° 33 – ARISVIJJARME CUNTNTE
N° 37 – PICCHE’?
Successivamente, su unanime giudizio della giuria viene individuata la tema delle poesie vincitrici:

N° 7 – E SE NA SERE N° 6 – SE CI ARPENZE N° 36 – LA CASA ME’
Alla prima poesia la Giuria attribuisce il premio di € 415,00 (cfr. art. 4 del Regolamento) con questa motivazione: “la poesia svolge un tema di riflessione personale, condiviso con la persona amata, ed è imperniata su una sensazione di smarrimento, che tuttavia viene superata grazie al raccordo con ciò che può dare di confronto è di speranza la pratica del verseggiare in dialetto”.
Alla seconda poesia si assegna il premio di € 210,00 con questa motivazione: “intensa di ricordi nostalgici e di rimpianto per gli errori del passato, la poesia appare come un sincero e sentito ripensamento della vita trascorsa invano. L’espressione è sempre scorrevole e aderente alla tematica prescelta”.
Viene attribuito il premio di € 105,00 alla terza poesia con la motivazione: “il senso di desolazione di abbandono che prende i genitori soli è espresso con efficacia e schietta partecipazione in un componimento pervaso da una profonda umnità”.
In ultimo, dunque, vegono aperte le buste contenenti le generalità dei poeti. E’ autore della poesia N° 7 “E SE NA SERE” Mario D’Arcangelo, della poesia N° 6 “SE CI ARPENZE” Maria Lucilla Oliva, della poesia N° 36 “LA CASA ME” Luciano Flamminio.
Gli autori delle poesie segnalate per il Recital sono:
N° l – NU PENZIERE PE’TE Mara Seccia
N° 3 – SURRISE DI CITILANZE Paola Ranalli
N° 8 – VULESSE Antonio Del Beato Corvi
N° 9 – MARE A LU RESVEJE Assunta Di Cintio
N° 22 – L’ABRUZZE ME’ Maria Nardol1e Filel1i
N° 24 – LIGGIRE GNE LU VENTE Tommaso Stella
N° 26 – NU HABBIANE DE SOLE Pietro Assetta
N° 33 – ARISVIJJARME CUNTENTE Emanuele Talol1e
N° 37 – PICCHE’? Attilio Mucci
Terminati i lavori, i membri della Giuria ringraziano l’Amministrazione Comunale, la Pro-Loco e la Regione Abruzzo – Agenzia per la Promozione Culturale (Chieti) e augurano alla poesia dialettale abruzzese momenti sempre nuovi originali e crescenti nel tempo.
La seduta è tolta alle ore 23.30.

LA SEGRETARIA
Manuela Marinucci

IL PRESIDENTE
Umberto Russo