Bravo RIPA!

Con un perentorio 2-0 il Ripa Teatina liquida l’Atessa. I gol uno per tempo. Con questa vittoria la squadra di Ripa si pone a centro della classifica con i suoi sei punti. La capolista Chieti ha 12 punti.

Iniziati i festeggiamenti

Tante iniziative hanno animato la via principale del paese, nella serata odierna, in occasione delle festività della Madonna del Sudore.
Dopo aver ascoltato la declamazione delle poesie dialettali presso la sala polivalente del Comune, la gente si è riversata per le vie del paese, gustando le altre iniziative messe in atto dal Comune tramite la consulta giovanile.
Sotto i portici dello stesso Palazzo Comunale, un gruppo di giovani artisti,
provenienti dalla scuola musicale "setticlavio" di Ripa, hanno deliziato i presenti con virtuosismi musicali sulle note di Bach ed altri autori.
A seguire lungo l’itinerario stradale un "complesso" formato da giovani del nostro paese hanno offerto saggi di musica attuale, senz’altro più rumorosa, ma più vicina ai giovani di oggi.
Avviandosi verso l’ex Convento, ci siamo imbattuti in "Mary Poppins" che ha richiamato l’attenzione dei bambini con giochi e balletti, alternandosi con l’acrobata che su un lungo tappeto rosso piroettava dando vita a figure altamente spettacolari coinvolgendo con lunghi applausi quanti erano presenti. Ed erano veramente tanti.
A chiusura della serata esibizione di un complesso per la "cover" di Vasco Rossi, sul sagrato della Chiesa del Convento.

Poesia dialettale. Ultimo atto

Tra le poesie ammesse al recital, la giuria popolare ha scelto la poesia di Pietro Assetta, già plurivincitore in anni precedenti.
DI seguito pubblichiamo la sua poesia.

NU HABBIANE DE SOLE

A la rive de lu mare
certe vote me perde nghe la mende
pe sendì lu remore de lu selenzie,
refiate de mmensetà,
truminde ste penzire arvutechite
se corr’ appresse,
fa a rocelavascelIe nghe lu tembe,
s’alIundane pe nu ccune,
arvé chiù nganite,
se ferme scumbenate.
Nu habbiane suletarie,
bianghe hne la neve,
vole ngondr’a Il’urezzonde,
sfrandumenne lu selenzie a l’ambruvvise
e s’appose dapù nghe nu refiate de scenne
sopr’ a Il’ onne che l’annàzzeche.
Nu habbiane de sole
che sfrandume lu mure fatte de niende.
E cande dendr’ a stu core
lu selenzie
truminde se perde a l’infinite
arret’a lu tembe che già se n’à ite.
Vulesse esse chelu habbiane
pe farme annazzecà
da Il’ onna ligge de lu selenzie,
ma forse chelu selenzie,
vocia me nnascoste
che sa de ngense de Chiese,
l’artrove sulamende
dendr’a la pace de Die!

Pietro Assetta

Forza Ripa! Provaci ancora!

Duro impegno casalingo per la nostra squadra che domani, domenica, dovrà  vedersela con l’Atessa, prima in classifica.
Provaci! .. e ci riuscirai!.

2^ e 3^ classificate

Poesia seconda classificata

SE CI ARPÈNZE…

S’arpènze a tutte st’anne c’à passàte…
nu file sbirrutàte a ‘na matàsse
che scìvule da ‘m monte a ‘na scarpàte,
fine a ‘rmanèrce sòle nu pizzètte

addò st’ùtteme fiàte stà ‘ttaccàte.
Huardènne ‘ncìme arpènze a quanta frette…
Madonna mì, che stùpede sò state!
Quanta ne vò viste a passà di primavere

e i, cicàte, che pinzève a corre,
senza sintì l’addòre che tenève,
perze dentre a la frette di ‘na morre
sempre a jjttà vilène!

S’arpènze pure atte, ‘mmezze a st’affànne…
Picchè la mente, sòle mò và arrète!?!
Nu nòde forte, forte, strìgne ‘ngànne
e dòce avànte all’ùcchie mi t’arvède…

Ssà voce cà mi chiàme, mò m’amànche!
L’avèsse dette allòre stì parole…
cchiù forte e amàre si fà mò lu piante
e lu dulòre m’ammànte lu còre.

Sò stanche d’armanè ‘ngòre attaccàte
a stù ccùne di vita sfilacciàte,
lu mìjje tembe ormàjje li sò spricàte…

Mendre lu file stùcche e càle abbàlle,
famme sintì lu dòce di ssù cante
e arràpeme ssì scenne Angele Sante!

Maria Lucilla Oliva

Poesia terza classificata

LA CASA MÈ

‘Sta casa ha duvintate nu deserte,
n’si sente cchiù li voce a tutte l’ore,
nen vede ‘ntorne nu cassette aperte
e n’terre panne spuorche di sidore.

Ormai sta’ sempre tutte arizzelate,
‘na cose scingilate nen si trove
e i’ ci passe tutte li juornate
mentre aspette, n’silenzie, l’alba nove.

Dentre a ‘sta cocce tinghe nu turmente,
che nen si ne va’ cchiù da sette-otte anne:
che lu ricorde, fresche di suIjente,
m’arrive ‘mpette mo’, gne ‘na cundanne.

Quanta parole, rajje e cuntendezze,
speranze di dumane, li casti elle,
nche la fatije, amre e la trsitezze,
tra tante puhesije e cacche strille!

La sere, a gne lu sole ha tramuntate,
camine pe’ ‘sta case senza cante,
riguarde Rose tutte rassegnate,
nche l’uocchie sempre ‘mbusse pe ‘ lu piante

e sente dentre a mme ‘na nustalgije:
la case arivulesse accome allore,
quande la vite, ‘nzimbre a li ddu’ fijje,
ere sole ‘na ggioje pe’ ‘sti core!

Luciano Flamminio