Rievocazione storica Madonna del Sudore

Rievocazione fatta dal parroco Don Gennaro al termine delle funzioni religiose del 22 marzo 07.

Esiste in Ripa teatina una tradizione che si fa risalire al 22.3.1728 la quale vuole che dall’immagine della Vergine SS.ma, che sovrasta attualmente l’altare maggiore di questa chiesa parrocchiale, si sia verificata sudorazione di sangue. Tale tradizione è man tenuta viva non da documenti scritti dell’epoca, ma unicamente dalla commemorazione che il parroco ne fa ogni anno dinanzi ai suoi fedeli.

22 MARZO. FINALMENTE!

22 marzo. Una data che segna, ogni anno, un momento particolare per la comunità di Ripa.

E’ il rinnovo del ricordo  storico che lega il nostro paese alla venerazione della sua Santa Patrona: Maria SS.ma del Sudore. E come ogni anno, si presenta con tutta la sua spiritualità che pur se legata a simboli, quali la processione da luogo dell’evento, è indubbiamente espressione di sentimento di devota filiazione alla Madonna. Ogni anno, pur nell’evolversi dei tempi, resta immutato il valore spirituale per la comunità di Ripa. Tra i simboli tradizionali spicca la costituzione della “compagnia”.  Quest’anno la volontà di rinnovare tale tradizione ha animato le famiglie Bascelli Claudio e Pantalone Salvatore entrambi della contrada Alento.

Già durante la settimana con cura e impegno hanno preparato l’avvenimento odierno.

Sono state nove giorni di preghiera intensa (tanto dura la novena). Le loro case hanno visto l’incontro di preghiera di centinaia di persone, amici, conoscenti, semplici concittadini, tutti uniti dall’unico legame spirituale: la Madonna.  Le loro case si sono trasformate, nel periodo, delle piccole chiese. In attesa del grande giorno.

L’atteso giorno, oggi 22 marzo, è arrivato. Con il suo carico di tempo inclemente. Dal mattino un cielo scuro, non ha lasciato margini ai nostri pensieri. Ma … la carica era tale che nulla poteva fermare ilo sentimento di centinaia di persone.

Le due famiglie, partendo ognuno dalla propria abitazione, hanno formato file oranti di gente, per ritrovarsi tutti insieme davanti alla icona della Madonna del Sudore, posta ai margini del fiume Alento. Nelle vicinanze del luogo ove, come tradizione vuole, trovavasi la piccola chiesetta diroccata della Madonna.

Giunti sul posto, un gruppo di giovani ha dato vita ad una rappresentazione sull’evento storico della caduta della chiesetta a causa delle abbondanti acque cadute.

Ha fatto seguito una preghiera prima di snodarsi lungo le vie che conducono al paese. Anche qui, all’ingresso, è stata data rappresentazione dell’evento miracoloso della sudorazione di Sangue della tela raffigurante la Madonna. Al termine tutti diretti in chiesa.

Il tempo inclemente di questa giornata, acqua e freddo, non hanno consentito lo snodarsi della processione lungo le vie del paese.

Durante la messa della sera, il parroco Don Gennaro, ha rievocato l’avvenimento storico.   (leggi altrove)

III edizione premio Rocky Marciano

Fervono i preparativi per la terza edizione del premio Rocky Marciano.
L’iniziativa partita in sordina due anni orsono su iniziativa della Pro Loco, ha visto man mano crescere l’entusiasmo di quanti hanno creduto nella iniziativa. A ragione possono essere orgogliosi del traguardo raggiunto. Quest’anno con la collaborazione attiva da parte dell’Amministrazione Provinciale, l’iniziativa ha assunto valenza nazionale e oltre. Infatti la mostra è stata inserita nel contesto  dell’inaugurazione del volo Pescara – New York con un simposium che si terrà dal  20 / 25 aprile con un simposium di operatori turistici (circa 400) provenienti dagli USA e che visiteranno Ripa e la mostra su Rocky Marciano.

22 marzo. Madonna del Sudore

Contrada dell’Alento in fermento per l’approssimarsi della festa della Madonna del Sudore.
Festività prettamente religiosa, molto sentita nel paese ma sopratutto nella contrada dell’Alento, ove il quadro della Madonna era conservato. La storia ci racconta come a causa di un violento temporale la chiesetta, posta lungo il fiume Alento, crollò. Una mano pia raccolse il quadro e lo consegnò al parroco che la depositò presso la propria abitazione, ove il  lunedì santo la tela  sudò sangue dalla fronte della Madonna.
 Nuove iniziative sono pronte da parte della contrada.
Intanto ogni sera  le famiglie Bascelli Claudio e Salvatore Pantalone accolgono numerosi fedeli per la recita del Santo Rosario: una piccola chiesa orante che si raccoglie con devozione attorno all’icona della Madonna del Sudore.
Nella giornata di giovedì  le due compagnie si ritroveranno alle ore 8:30 presso la località "Acque Vive", scenario dell’evento che accadde il 19 settembre 1685 e che le compagnie riporteranno alla memoria attraverso una rappresentazione.
Alle 9:15 il corteo, accompagnato da personaggi a cavallo, attorniato da fanciulle in abiti tipici, partirà verso il paese e intorno alle 10:30 è previsto l’arrivo presso la piazza Martiri D’Ungheria dove avverrà la rievocazione dell’evento miracoloso del 22 marzo del 1728.
Il corteo si ritroverà per la celebrazione della Santa Messa presso la parrocchia S. Pietro Apostolo, ad essa seguirà la processione per le vie del paese.
La sera, nel corso della S. Messa, ci sarà la rievocazione storica con il racconto dell’avvenimento niracoloso.

Tragica fine di un giovane di Ripa.

Scontro mortale, nei pressi di Francavilla al Mare, di due autovetture. Il conducente di una delle due, Eugenio Rotolone di Ripa Teatina, è deceduto durante il trasposto all’ospedale. Al suo fianco la consorte, che ha riportato ferite e ricoverata al reparto di ortopedia dell’ospedale “Bernabeo” di Ortona. L’incidente avvenuto di fronte al ristorante “Le Querce” di Francavilla al Mare, subito dopo l’ingresso dell’autostrada, è ancora al vaglio delle autorità per lo studio della dinamica. Il conducente dell’altra vettura è rimasto illeso. Al momento dell’incidente l’asfalto era bagnato a causa della pioggia che si era abbattuta sull’area. Lascia la moglie e due figli. I funerali si svolgeranno martedì 13 marzo.